Jazz & Wine va a regime con i primi incontri importanti

21 Ottobre 2021

Dimitri Espinoza

CORMONS. Dopo la serata inaugurale di giovedì 21, venerdì 22 ottobre si entra nel vivo del Festival Jazz & Wine of Peace organizzato dal Circolo Controtempo di Cormòns, che si svolge tra Collio friulano e sloveno fino a lunedì 25 ottobre. La giornata ha inizio alle 11, all’Abbazia di Rosazzo, con il concerto del sassofonista Dimitri Grechi Espinoza che presenta il progetto da solista “Oreb”, lavoro che unisce le sue due grandi passioni: lo studio della scienza sacra nelle culture tradizionali e la ricerca del suono, con l’obiettivo di riscoprire lo spazio sonoro dei luoghi sacri. La sua musica è contaminata dalle culture dell’est Europa ma, allo stesso tempo, da quella africana e anche dalla tradizione jazzistica italiana e americana.

Ferdinando Romano (Foto Luca A. d’Agostino)

Alle 14 alla Cantina Jermann di Ruttars, il contrabbassista Ferdinando Romano presenta Totem, il suo primo album da band leader, uscito il 24 aprile 2020 per l’etichetta norvegese Losen Records. Romano, che si è classificato al primo posto nel Top Jazz 2020 di Musica Jazz come “Miglior Nuovo Talento Italiano”, sarà sul palco insieme a Tommaso Iacoviello alla tromba e flicorno, Simone Alessandrini al sax alto e soprano, Manuel Magrini al pianoforte e Giovanni Paolo Liguori alla batteria. Alle 17, a Villa Attems Cernozza de Postcastro, i Philipp Gropper’s Philm, quartetto tedesco austriaco composto dal sassofonista Philipp Gropper, il pianista Elias Stemeseder, il contrabbassista Robert Landfermann, il batterista Oliver Steidle. Vincitore del Deutscher Jazzpreis come band dell’anno 2021, Philm è un distillato dei quartetti classici degli anni ’60: né ironia, né richiami al passato, né teatralità intellettuale, solo suono e tecnica.

Philipp Gropper’s Philm

Alle 21:30, al Teatro Comunale di Cormòns, uno degli appuntamenti più attesi, quello con il quartetto capitanato dalla straordinaria bassista Linda May Han Oh, sul palco insieme al pianista Fabian Almazan, al sassofonista Greg Ward e al batterista Ziv Ravitz. Un jazz rigoroso e di moderata avanguardia, per un concerto molto atteso che farà respirare al pubblico l’energia di New York, screziata da sonorità etniche. Linda May Han Oh è anche bandleader, artista discografica e compositrice, premiata, nel 2010, come miglior giovane artista emergente e, nel 2020, come bassista dell’anno dall’organizzazione internazionale Jazz Journalists Association. Il suo stile è fluido, intuitivo e molto creativo, caratterizzato da melodie derivanti dalla musica modernista, del post-bob esplorativo, del jazz-funk, dello swing e dell’hard bop.

Linda May Han Oh (Foto Shervin Lainez)

Quattro gli appuntamenti del giorno di Jazz & Taste, il festival nel festival che vede protagonisti i migliori jazzisti nazionali e le degustazioni nelle aziende agricole vitivinicole e nei luoghi storici del territorio. Alle 13 tappa alla Tasting Academy dei Colli Orientali del Friuli, con i 2Gemo, duo composto da Roberto Gemo alla chitarra e Adelaide Gemo alla chitarra soprano:. Alla stessa ora, l’Azienda Agricola Borgo San Daniele ospita il concerto della pianista e cantante Francesca Tandoi che si esibisce con il bassista Stefano Senni. Il duo propone un’atmosfera intima, cameristica, incentrata sull’Interplay fra pianoforte e contrabbasso.

Alle 15, appuntamento a Klanjscek, Loc. Ossario, con Rudy Fantin che propone un viaggio musicale attraverso le sue tastiere, spaziando tra Jazz, Funk, Soul & Gospel ed elettronica. Alle 18.30, ultimo evento della giornata di Jazz & Taste, all’Enoteca di Cormòns con I Colori del Jazz: rosso. Protagonista la cantante Elsa Martin, per un viaggio nella parola cantata, in quella declamata, in quella poetica, nella nuda voce che si fa canto insieme ad esplorazione timbrica.

Per gli aperitivi Round Midnight, alle 20 appuntamento all’Enoteca di Cormòns con il JazzInDuo formato dalla cantante Letizia Felluga e dal pianista Alessandro Scolz e il loro mix di ritmi brasiliani, jazz e funk. Alla stessa ora, al Claudine di Cormòns, la voce di Julia Gregorig, con l’accompagnamento alternato di piano e chitarra, propone i suoi inediti e le cover arrangiate con uno stile molto personale. Per concludere la serata, alle 23, nella sala esterna dell’Osteria Ristorantino “in Taberna” di Cormòns, il concerto della band guidata da Enrico Crivellaro, un chitarrista che si è guadagnato fama internazionale grazie a uno stile che unisce Blues con Jazz e American Roots Music.

INFO: ticket@controtempo.org | www.controtempo.org

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!