Italia e Austria a confronto sulle professioni del futuro

20 Aprile 2021

TRIESTE. Quali sono le competenze trasversali e transfrontaliere che i giovani possono acquisire durante le esperienze formative di scambio o tirocinio all’estero? Quanto queste competenze sono fondamentali per accedere al mercato del sistema economico e produttivo dell’area italo-austriaca? Come si possono codificare e certificare queste competenze e quanto possono essere utili alle necessità delle aziende transfrontaliere? Queste sono alcune delle domande che orienteranno gli interventi dell’incontro pubblico “Le Competenze transfrontaliere e le professioni del futuro in un mercato del lavoro in continua evoluzione” in programma giovedì 22 aprile, dalle 15 alle 18, online sulla piattaforma Zoom.

L’evento è la seconda conferenza transfrontaliera del progetto “Scet-Net – Senza Confini Education and Training Network”, finanziato dal programma Interreg V A Italia-Austria 2014-2020 e gestito da una rete di partenariato formata dal Gect Euregio Senza Confini (lead partner), dal Bildungsdirektion Kärnten, dalla Camera di Commercio della Carinzia e dalla Camera di Commercio Venezia Giulia. La conferenza è organizzata in sinergia con il progetto E.Edu 4.0., co-finanziato dal programma Interreg Italia-Austria 2014-2020. E.Edu 4.0. mira a sviluppare una rete di qualificazione transfrontaliera (intesa come capacità tecnica e di strutture dedicate alla formazione), un programma (curricula) nonché un’offerta di qualificazione (servizi di istruzione, qualificazione) condivisa nell’area di programma. Scet-Net mira ad avviare una stabile cooperazione istituzionale tra le regioni partner (Friuli Venezia Giulia, Carinzia, Veneto) per il coordinamento del quadro ordinamentale e giuridico in materia di formazione e la definizione di modelli pedagogici funzionali all’avvio di percorsi di scambio transfrontalieri di studenti e apprendisti, dai 16 anni in su. L’obiettivo finale del progetto è quello di garantire il riconoscimento delle competenze e l’adozione di pratiche organizzative condivise, replicabili, sostenibili.

All’appuntamento interverranno referenti sia a livello istituzionale, sia delle rappresentanze imprenditoriali delle aree transfrontaliere del progetto: Clemens Mantl, Console Generale d’Austria a Milano; Sabrina Strolego, Console Onorario d’Austria a Trieste; Antonio Paoletti, Presidente della Camera di Commercio Venezia Giulia; Mario Pozza, Presidente della Camera di Commercio Treviso-Belluno; Ramon G.M. Magi, Presidente di Eurodesk Italia; Roberto Santolamazza, Direttore T2i – Trasferimento Tecnologico e Innovazione; Jürgen Jantschgi, Htl Wolfsberg; Erwin Rauch, Libera Università di Bolzano; Federico Callegaro, Camera di Commercio Treviso-Belluno; Cristiana Basile e Paolo Marchese, Camera di Commercio Venezia Giulia – Aries; Andreas Görgei, Camera di Commercio della Carinzia.

L’evento è aperto a tutti, previa iscrizione su https://bit.ly/scetnetonlinemeeting22 e sarà fruibile anche attraverso i canali social del progetto Scet-Net.

https://euregio-senzaconfini.eu/it – www.facebook.com/scetnet – twitter.com/scetnet

Condividi questo articolo!