Incontro su Cyberbullismo e conseguenze. A Pordenone

12 Maggio 2019

PORDENONE. “Off Line – La vita oltre lo schermo”, il progetto nazionale itinerante promosso dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza contro bullismo e cyberbullismo arriva a Pordenone. Lunedì 13 maggio, a partire dalle 9, oltre 850 studenti di otto scuole secondarie prenderanno parte all’incontro condotto dal giornalista e storyteller Luca Pagliari all’interno dell’Auditorium Concordia di via Interna 2. Si tratta della quinta tappa, dopo quella di Perugia, Forlì e Como del tour che la Garante Filomena Albano ha inaugurato a Napoli lo scorso 26 febbraio.

Nel corso dell’evento sarà proiettato il docufilm “dodicidue” basato sulla vera storia di Alice, vittima per tre anni di vessazioni e maldicenze. Le sequenze saranno accompagnate dalla narrazione di Luca Pagliari, che al termine dell’incontro inviterà i ragazzi a uno scambio di opinioni e di esperienze. “Il contrasto al bullismo e al cyberbullismo passa proprio dal coraggio di parlare che i ragazzi devono imparare ad acquisire. Per questo abbiamo promosso il progetto Off Line, che punta a scuotere le coscienze” dice la Garante Filomena Albano. “La storia di Alice – prosegue – dimostrerà che la sofferenza e il disagio si possono superare condividendo il dolore e denunciando i soprusi subiti. Allo stesso modo ci auguriamo che quanto accadrà in sala possa essere di stimolo, per chi compie atti di bullismo o vi assiste, a prendere consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni e a capire che si è responsabili non per qualcosa ma verso qualcuno”.

Saranno presenti gli studenti del Liceo scientifico “Michelangelo Grigoletti”, dell’Istituto comprensivo “Jacopo di Porcia”, della scuola “Innovazione Apprendimento Lavoro” di Pordenone e di Udine, dell’Istituto comprensivo “Elisabetta Vendramini”, dell’Istituto tecnico settore tecnologico “John Fitzgerald Kennedy”, del Liceo classico, scientifico, sociopedagogico “Leopardi – Majorana”, dell’Istituto tecnico del settore economico “Odorico Mattiussi” e dell’Istituto professionale industriale “Lino Zanussi”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!