Incontro alla Libreria Ubik

4 Dicembre 2019

Caterina Falchi

MONFALCONE. Venerdì 6 dicembre, alle 18, alla Libreria Ubik Rinascita di Monfalcone (viale San Marco) sarà un pomeriggio a dir poco emozionante. Non solo perché per la prima volta verrà presentato un nuovo libro. Ma anche – e soprattutto – perché si parlerà del sofferto percorso di una mancata gravidanza, argomento ancora oggi non del tutto “sdoganato” dai quotidiani tabù. A parlarne è l’autrice monfalconese Caterina Falchi, che racconterà il suo nuovo libro “Ti avrei chiamata Nina” (Alcheringa edizioni). Modererà l’incontro Irene Pecikar.

Parla di sè, Caterina, e lo fa perché sostiene la scrittura possa essere terapeutica per il dolore. Ha scritto il suo libro – dice lei stessa – “per tutte quelle donne che si sono trovate nelle mie stesse condizioni e si sono sentite sole, perché di gravidanza si parla moltissimo, ma di mancata gravidanza non se ne parla, a mio avviso, ancora abbastanza”. Il nuovo lavoro autobiografico della Falchi, infatti, affronta l’argomento con un estremo rispetto verso la vita, con grande sensibilità al dolore e con un tocco di ironia che, nel suo caso, ha rappresentato la salvezza di lei “donna di coppia diversamente fertile”. L’atto di scrivere è stato per l’autrice una sorta di terapia: perché raccontare a volte significa cercare di guarire, di salvarsi.

Caterina Falchi è monfalconese, laureata in lingue e letterature straniere e impiegata nell’ufficio vendite di un’azienda locale. Esordisce come scrittrice nei primi anni Duemila con le favole per bambini che vengono pubblicate sul sito di settore Mammafelice (www.mammafelice.it). Vince nel 2009 un concorso dell’editore Edigiò, che pubblica il suo “La saponetta magica”. Due favole vengono pubblicate nei progetti di raccolte natalizie di Barilla (2011 e 2012) e alcuni suoi articoli entrano nel portale dedicato ai libri Zebuk (www.zebuk.it). Tra il 2013 e il 15 pubblica racconti con Alcheringa e Delos Books. “Ti avrei chiamato Nina” è il suo primo racconto lungo.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!