Incontro multimediale sulla disabilità visiva al Visionario

9 Giugno 2016

UDINE. Si terrà venerdì 10 giugno nella sala grande del cinema Visionario a Udine, con inizio alle 18.30, l’appuntamento del progetto “La nostra cittadinanza: immaginario e sogni dei non vedenti”. La serata è organizzata dall’associazione Poesia e Solidarietà insieme al PEN Club Trieste e il Visionario. Si tratta di un’iniziativa fortemente innovativa ed unica in Italia, che concentra la sua attenzione sulla cultura dei non vedenti e degli ipovedenti, ed è strutturata attraverso una serie di incontri-evento rivolti particolarmente alle associazioni, agli studenti e ai docenti degli istituti scolastici delle quattro province della Regione. L’ingresso all’incontro è libero e aperto a tutti.

Come si compone l’immaginario umano nell’assenza di un’esperienza visiva? Qual è il confine fra immaginario e immaginazione? Da queste domande è nato uno studio propedeutico alla realizzazione di un film documentario, tuttora in lavorazione, “La spada invisibile” a opera del giornalista e regista Massimiliano Cocozza, da anni impegnato come freelance all’estero e in Italia e vincitore per due volte del prestigioso Premio Ilaria Alpi e di un Premio di Qualità del MIBAC. Proprio dall’esperienza maturata durante la preparazione e la lavorazione di questo documentario è nato il progetto che, dopo le date di Monfalcone (24/02: Istituto Commerciale Giancich), Trieste (02/03: Liceo Dante – Carducci), Pordenone (12/03: Istituto Majorana), Gorizia presso il Kinemax (5/4) e San Daniele del Friuli (28/4), approda appunto al Cinema Visionario di Udine.

Come nelle occasioni precedenti, anche la data in calendario il 10 giugno presso il Cinema visionario di Udine vedrà la proiezione di estratti del documentario “La spada invisibile” con, a seguire, interventi da parte della presidente dell’associazione Poesia e Solidarietà Gabriella Valera, dell’avv. Roberto Masserut, del presidente della Consulta Disabili FVG Vincenzo Zoccano, della presidente dell’UICI di Pordenone Daniela Floriduz, della dott.ssa Edda Calligaris e di Lorenzo Basso di A.N.Fa.Mi.V. Onlus e del regista Massimiliano Cocozza e di alcuni tra i volontari che hanno partecipato al progetto: si avrà così modo di sviluppare un dialogo con il pubblico presente in sala e di approfondire i risultati frutto del lavoro svolto su questo tema.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!