Incontri con la Grande guerra

18 Ottobre 2017

RAGOGNA. Venerdì 20 ottobre alle 20.30, nel teatro Canciani di San Giacomo di Ragogna (via Muris) si svolgerà la presentazione di “Poesie”, una raccolta completa dei versi di Italo Daffarra, poeta di Ragogna, scomparso alcuni anni fa. Dettagli al link http://www.prolocoragogna.it/sito/?p=4135

Lo rende noto il Museo della Grande guerra di Ragogna che annuncia anche due escursioni storiche (se il tempo è cleemente). Sabato 21 ottobre, ritrovo alle 14:45 in piazza XX Settembre a Pordenone: nell’ambito delle iniziative organizzate dalla Compagnia d’Arte&Mestieri, sarà proposta una passeggiata nelle vie di Pordenone dove si individueranno e illustreranno i siti più significativi della città in relazione alle vicende della Grande Guerra (caserma cavalleria, ospedale di guerra, cimitero, ponti interrotti, ecc.). Partecipazione gratuita. Domenica 22 ottobre, ritrovo alle 9 a Sant’Anna di Carnizza (Comune di Resia): escursione storica al Monte Nischiuarch, l’altura che in termini di fortificazione è forse la più apprestata della zona.

Il Monte Nischiuarch, dominante l’accesso ai valichi che dividono il bacino dell’Isonzo da quello del Tagliamento, fu fortificato con gallerie-cannoniere scavate in roccia dal Regio Esercito Italiano. I suoi fianchi vennero segnati da una rotabile militare, mai completata. Prima dell’inizio dell’offensiva di Caporetto, gli austro-tedeschi lo individuarono tra i principali ostacoli da superare per cogliere gli obiettivi strategici dell’avanzata. Questa escursione porterà alla riscoperta di vestigia e avvenimenti sconosciuti, lungo i passi degli Jäger tedeschi, dei Kaiserjäger austriaci, degli Alpini e dei Mitraglieri italiani, fra i quali militava anche il celebre geologo Ardito Desio, a capo della spedizione italiana che conquistò la cima del K2.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!