Incontri con la Grande Guerra

26 Settembre 2017

RAGOGNA. Il Museo della Grande Guerra di Ragogna organizza per domenica 1° ottobre una visita storico-naturalistica sul Monte Guarda in Val Resia. Ritrovo alle ore 8:15 a Prato di Resia. Si tratta della prima di una serie di uscite che, fra ottobre e novembre, porteranno a conoscere alcuni dei più importanti teatri di battaglia della ritirata di Caporetto, di cui ricorre il centenario. Il panoramico Monte Guarda, alto 1720 metri s.l.m., costituisce la testata della Val Resia e domina, di 1400 metri, la Valle dell’Isonzo. Sulla sua cresta, nel 1915 correva il confine italo-austriaco, analogamente all’odierna frontiera italo-slovena. Occupato subito dagli alpini italiani, divenne un caposaldo della terza fascia difensiva del Regio Esercito, sovrastante la strategica Stretta di Saga. Doveva essere un baluardo “inespugnabile”, ma nel secondo pomeriggio dell’offensiva “di Caporetto” cadde nelle mani dei fanti “Hessen” austro-ungarici. Sul Monte Guarda, così iniziò la battaglia della Val Resia. E’ necessario un buon allenamento ed equipaggiamento da trekking (scarponi, pranzo al sacco, acqua, vestiario idoneo). Durata indicativa ore 8.

Il Museo ricorda anche che venerdì 29 settembre, a Palazzo Frangipane (Tarcento), sarà presentato il nuovo libro di Andrea Vazzaz “Un alpino in guerra”, dedicato alla vicenda e alle memorie del Capitano Medaglia d’Oro al Valor Militare, Enea Guarneri. Sabato 30, nel Castello di Ragogna, ci sarà il convegno “INCONTRI, DESIGN, PROGETTAZIONE E PRODUZIONE”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!