Incontri con l’archeologia

3 Maggio 2018

UDINE. Venerdì 4 maggio, alle 17.30, nella sede della Società friulana di archeologia in Torre di Porta Villalta a Udine, Alessandro De Antoni (Università di Trieste) parlerà su “Le specializzazioni del soldato romano. Testimonianze epigrafiche da Aquileia”. Questa ricerca si è proposta, attraverso l’analisi delle epigrafi provenienti dal territorio di Aquileia in epoca romana, di individuare i testi che si riferiscono alle specializzazioni del miles e di porre l’attenzione su quelli che fanno preciso riferimento a dei principales dei vari corpi dell’esercito romano. L’incontro sarà l’occasione per saperne di più sui compiti del frumentarius, dell’imaginifer, del signifer, del tubicen, dell’armicustos, dell’armi doctor, del mensor frumenti, del vexillarius e del gubernator. Attraverso l’analisi dell’iscrizione, si conosceranno storie particolari di personaggi minori, ma non meno importanti, e si scoprirà la perfetta organizzazione che i Romani crearono anche in ambito militare. In collaborazione con la Legio VI Ferrata e il Centro Regionale di Storia Militare Antica e Moderna di Trieste.

Domenica 6 maggio, alle 11, nel Civico Museo di Storia ed Arte – Orto Lapidario Piazza della Cattedrale 1, Trieste, Susanna Moser parlerà de “La musica nell’antico Egitto”. La civiltà dell’antico Egitto offre una situazione privilegiata agli studiosi di antichità: la ricchezza della documentazione disponibile consente di studiare nel dettaglio quasi ogni campo dell’attività umana. Non fa eccezione la musica, riguardo la quale la terra dei faraoni offre non solo immagini raffiguranti musicisti, permettendo di ricostruire quali strumenti venivano suonati e come, ma anche strumenti veri e propri, conservatisi attraverso i millenni, e i testi di brani che venivano eseguiti con accompagnamento musicale. Tutto ciò contribuisce a ricostruire un’immagine degli Egizi più vicina a noi di quanto normalmente si creda.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!