Incontri alla Libreria Friuli

13 Giugno 2017

UDINE. Anche per questa settimana, la Libreria Friuli di Udine (via dei Rizzani 1) propone tre interessanti incontri a partire da mercoledì 14. Alle 18 verrà presentato il libro per ragazzi Il Viaggio di Maui. Il libro racconta con immagini poetiche e linguaggio semplice e immediato le meraviglie nascoste e poco conosciute della cultura hawaiana, piccoli gioielli di grande profondità e di valore universale. Meraviglie che rappresentano e racchiudono la spiegazione del funzionamento della realtà. Per i bambini è un viaggio che insegna le basi dell’Amore e del rispetto, le vie naturali per crescere. Per gli adulti e per tutti coloro che amano l’Ho’oponopono è un libro chiave per approfondire tutti quelli aspetti sconosciuti delle cultura hawaiana da cui questa antichissima e potente pratica origina, come pure per chiarire in modo semplice molti quesiti che spesso risultano poco chiari anche a chi pratica Ho’oponopono da tempo.

Il viaggio di Maui è una piccola pietra miliare nel panorama dei libri educativi, rivolto a tutte le età. Con i contributi di Barbara Randall, rappresentante della cultura aborigena, ed Estrella Apolonia, donna medicina nativo americana, con i suoi bellissimi disegni. Saranno presenti gli autori Rodolfo Carone e Francesca Tuzzi.

E siamo a Giovedì 15, quando sempre alle 18 verrà presentato un altro libro per bambini, Apriti notte. Tenere ninna nanne di parole fatate che incantano, delicate illustrazioni che donano colore ai sogni e una dolce colonna sonora per volare sulle ali della musica. Apriti notte è un libro nato dalla collaborazione di diversi autori, pensato per i bimbi che fanno fatica ad addormentarsi, ma anche per quelli che amano le filastrocche e per quelli che amano le belle illustrazioni. I testi del libro sono stati realizzati da Ilva Valusso, autrice, cantante, appassionata insegnante di canto, scultrice e artista, ha realizzato molti progetti d’arte figurativa. Ha scritto, interpretato e inciso numerosi brani musicali.

Le musiche sono state composte da Davide Iuri, pluridiplomato al Conservatorio, che da oltre 15 anni si dedica all’educazione musicale rivolta ai più piccoli. Ha fondato la scuola di musica “MusicaMia”. Le illustrazioni sono di Barbara Jelenkovich, illustratrice internazionale, diplomata all’Accademia di Belle Arti di Venezia. La grafica del libro è di Cinzia Englaro, la quale ha lavorato come disegnatrice e illustratrice di audiovisivi, ha fondato un’agenzia di pubblicità ed è specializzata in illustrazione di libri per bambini. Durante la serata saranno presenti gli autori del libro e si potranno ascoltare alcune delle ninne nanne dal vivo. Si potranno inoltre ammirare in esposizione le tavole ad acquerello tratte del libro e realizzate da Barbara Jelenkovich.

La serie di incontri si conclude Venerdì 16 giugno. Sempre alla stessa ora, sarà presentato in anteprima il nuovo romanzo giallo di Andrea Maggi “Niente tranne il nome”. Sarà presente l’autore che dialogherà con Gian Paolo Polesini. La nebbia mattutina avvolge un casolare di campagna perso nel nulla, le mura divorate dalla vegetazione e dall’incuria. A qualche passo di distanza il gorgoglio di un ruscello d’acqua limpida, fredda. Appena screziata da un rivolo rosso sangue. Il corpo ritrovato appartiene a Mauro Rosso, bidello dell’istituto Galileo Galilei. L’ultima persona ad averlo visto vivo è il professor Fulvio Romoli. A quarantun anni, Fulvio sta cercando disperatamente di ricostruirsi una vita dopo il divorzio: si aggrappa alla passione per la pittura e – bisogna ammetterlo – a qualche sigaretta e a qualche bicchiere di troppo. E soprattutto al suo lavoro d’insegnante, cercando di aiutare alunni problematici come Chiara, ragazza difficile e pluriripetente, e l’amica Veronica, vittima di bullismo.

Ma ormai l’omicidio ha rivelato che la serenità del suo ambiente scolastico di provincia, scosso dalla notizia di quella morte violenta, è solo apparente. Tra le aule silenziose e tra i banchi innocenti si nascondono verità inconfessabili. Fulvio viene coinvolto in prima persona nelle indagini: è stato lui l’ultimo a incontrare la vittima al bar, la sera prima. È stato lui a carpirne le ultime, enigmatiche parole. E mentre le ricerche della polizia si concentrano sui vecchi compagni di scuola di Mauro, Fulvio scopre di avere un intuito che non conosceva. Un intuito che finalmente, dopo anni, sembra dare un senso nuovo alla sua vita. Un intuito che gli permette di smascherare la rete di segreti e ricatti in cui affonda la soluzione del mistero.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!