Il viaggio di maggio in Serbia forse si fa a settembre

4 Luglio 2020

UDINE. La Società friulana di archeologia intende effettuare tra il 31 agosto e il 7 settembre, se le condizioni della diffusione dell’epidemia lo permetteranno, con tutte la attenzioni necessarie e nel pieno rispetto delle regole vigenti, il viaggio in Serbia, già previsto all’inizio dello scorso maggio. Il tema è squisitamente archeologico e comprende la visita di una serie di siti di enorme interesse internazionale, dall’importante villaggio mesolitico di Lepenski vir alle grandi città del periodo tardoantico e alle residenze imperiali (Felix Romuliana. Mediana, villa estiva di Costantino il grande, Iustiniana prima) senza dimenticare la Belgrado dei nostri giorni, in parte rinata dopo la guerra degli anni Novanta. Vi sarà anche una sosta alle Porte di Ferro ove l’imperatore Traiano fece gettare il primo ponte sul Danubio inferiore. Nei musei, riaperti da pochi anni, si potranno ammirare i tesori delle corti imperiali romane e delle grandi ville residenziali.

Ci sono ancora alcuni posti liberi. Info: rivolgersi a sfaud@archeofriuli.it o telefonare in segreteria (043226560) giovedì e venerdì dalle 17 alle 19.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!