Il Premio Udine Filosofia a chiudere Mimesis Festival

25 Ottobre 2019

Donatella Di Cesare

UDINE. La quinta e ultima giornata del Festival Mimesis ha inizio alle 9:30 di sabato, nell’aula 9 di Palazzo Garzolini – di Toppo Wassermann: i filosofi Donatella di Cesare e Massimo Donà incontrano le scuole per l’evento “Che cos’è la filosofia”. Alle 10 è in programma un altro incontro con le scuole alla media “Elvira e Amalia Piccoli” Cividale, protagonisti i filosofi Silvano Tagliagambe e Franco Rella per discutere di “Linguaggio tra arte e scienza”.

Tre incontri alle 16: il primo nella Libreria Tarantola, dove Vito Teti presenta Il colore del cibo (Meltemi Editore) in dialogo con il collega Nicola Gasbarro; il secondo alla Fondazione Friuli “Dentro l’immagine. Natura, arte e prospettiva in Leonardo da Vinci” con i filosofi Massimo Donà e Gianluca Cuozzo; il terzo alla Libreria Friuli “Mediazione, magia, desiderio in Leonardo da Vinci” col filosofo Giuseppe Fornaciari. Due gli eventi alle 16:30: il primo alla Sala del Consiglio di Palazzo Garzolini – di Toppo Wassermann: “Estetica, fenomenologie e scienze della vita”, un dibattito con i filosofi Salvatore Tedesco e Ilaria Malaguti moderato da Floriana Ferro; il secondo, sempre a Palazzo Garzolini – di Toppo Wassermann, ma in Sala Pasolini, “Freud e Leonardo: arte, pittura e volo” con i filosofi Franco Rella e Dario Giugliano.

Catherine Malabou

A chiusura del Festival Mimesis 2019, ecco la grande novità di quest’anno: il “Premio Udine Filosofia 2019”. Alle 18:30, nella Sala Consigliare di Palazzo Belgrado, saranno conferiti i premi ad alcuni degli esponenti più rilevanti del panorama filosofico nazionale ed internazionale. A seguire, ore 19, la filosofa francese Catherine Malabou terrà una lectio magistralis con traduzione in simultanea. L’importante incontro è organizzato in collaborazione con l’Institut français d’Italie / Ambasciata di Francia in Italia.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!