Il premio ad Arrigo Cipriani

20 Dicembre 2018

CAPRIVA. Consegnato nei giorni scorsi nella splendida dimora del Castello di Spessa a Capriva l’edizione 2018 del “Premio letterario Internazionale “Emilio e Janja conti Auersperg”, appuntamento ideato e curato annualmente da Patrizia Cutrupi per onorare la memoria della contessa di origini slovene, che ha risieduto per gran parte della sua vita a Cormons, Janja Auersperg, mancata nel 2013. Vincitore di questa edizione lo storico patron dell’Harry’s bar a Venezia, massimo esperto mondiale di ristorazione Arrigo Cipriani, salutato da un folto parterre composto da un’ampia rappresentazione internazionale di consoli e ambasciatori, presenze istituzionali, tra cui il Sindaco di Cormons Roberto Felcaro e la senatrice Tatjana Rojc, e un pubblico di appassionati.

Classe 1932, Arrigo Cipriani – un vero pezzo di storia del Novecento, noto per la sua attività imprenditoriale, ma anche per quella sportiva, oltre che come giornalista, scrittore e, naturalmente, altissimo conoscitore di ristorazione e accoglienza del turista – è stato premiato per il suo ultimo libro “Elogio dell’accoglienza” (ed. Aliberti).

Da quando è stato istituto su volontà della contessa Auersperg, il Premio internazionale viene organizzato dalla curatrice Patrizia Cutrupi – con la collaborazione della Federazione Nazionale Dei Consoli – per premiare annualmente l’autore di una pubblicazione che valorizzi principi di internazionalità, accoglienza e convivenza tra culture, valori al centro della vita dei conti Auersperg ed elementi tipici di quella parte della Mitteleuropa di cui i conti erano originari e che oggi ha ritrovato la sua unità nel contesto della Comunità europea.

Come illustrato dalla curatrice Patrizia Cutrupi: “Tra le preziose carte dell’archivio della contessa Janja e del conte Emilio molte sono le pagine che si concentrano sulla cultura e l’arte del ricevere, sull’importanza di tramandare ai posteri la tradizione della cucina delle singole famiglie, nella convinzione che il cibo appartenga all’archetipo culturale che ciascuno di noi porta in sè“. A svolgere la laudatio al premiato è stato il Console Generale Onorario della Repubblica di Slovenia a Milano e Vice Presidente Fenco – Federazione Nazionale Dei Consoli – Gianvico Camisasca.

Arrigo Cipriani ha accolto il Premio con particolare soddisfazione, sottolineando come il principio dell’accoglienza costituisca uno dei grandi patrimoni della cultura del nostro Paese.

Condividi questo articolo!