Il lancio delle cidules apre la Fiesta di Santa Ana a Salàrs

26 Luglio 2019

RAVASCLETTO. Il lancio delle “cidules”, sabato 27 luglio, inaugura l’edizione 2019 della “Fiesta di Santa Ana”, che la Comunità di Salârs dedica ai Santi patroni Gioacchino e Anna. I tradizionali fuochi augurali saranno accesi dai giovani “cidulârs” a partire dalle 21.30. Domenica 28 luglio sono in programma tre distinti momenti di festa e incontro, organizzati dalla Comunità di Salârs insieme alla “Pro loco di Ravascletto, Salârs e Zovello”.

Alle 11, una rappresentanza della Comunità si recherà a Formeaso di Zuglio per partecipare alla celebrazione eucaristica devozionale in onore della madre della Vergine Maria, nella chiesa di San Michele. Da alcuni anni, infatti, la Festa patronale di Salârs è divenuta occasione d’incontro fra Comunità vicine devote di Sant’Anna. La “Pro loco” della Valcalda, all’insegna del motto “Sul troi di Santa Ana”, ha già organizzato escursioni e scambi di visite con le Comunità di Ludaria e Rigolato e Liariis e Clavais.

Gli amici di Formeaso ricambieranno la visita, proponendo i loro canti devozionali alla “Messa granda” che costituirà il secondo momento della giornata, alle 18.30 di domenica 28 luglio, nella chiesa di San Giovanni di Salârs. Al termine della solenne celebrazione, le ragazze della piccola frazione di Ravascletto porteranno per le strade del paese la statua di Sant’Anna che istruisce Maria bambina, durante la tradizionale processione.

Le celebrazioni del 28 luglio si concluderanno in piazza Da Pozzo, ove sarà possibile degustare dalle 20 piatti tipici della gastronomia carnica e alcune specialità della Val d’Arzino, grazie alla collaudata collaborazione fra le Pro Loco gemellate di Anduins e Ravascletto, mentre Romy animerà il ballo liscio.

Condividi questo articolo!