Il flauto di Luisa Sello in concerto a Brugnera

27 Agosto 2018

BRUGNERA. Dopo il successo del primo, affollato concerto programmato la scorsa settimana a Sacile, è adesso il flauto solista di Luisa Sello a segnare il secondo, atteso appuntamento con l’articolata rassegna musicale itinerante “Un Fiume di Note”, inserito nell’ambito del cartellone degli eventi che compongono il neonato Distretto Regionale del Pianoforte “Musicæ”. Organizzato dall’Associazione “Amici della Musica A. Romagnoli” di Sacile, l’evento si sposta domani, martedì 28 agosto nella splendida dimora di Villa Varda di Brugnera dove l’artista si esibirà alle 20.45 accompagnata dall’Orchestra Naonis di Pordenone e dal Donatello Ensemble su musiche di Mozart, Corazza, Garzoni, Vivaldi, Ginastera e Sivilotti.

Luisa Sello (al centro) con il Donatello Ensemble

Musicista eclettica ed innovativa, flautista dall’intensa attività solistica in Europa, Estremo Oriente, Stati Uniti e Sud America, Luisa Sello – che ha studiato a Parigi con Raymond Guiot, primo flauto dell’Operà, ed è stata una delle allieve predilette di Severino Gazzelloni – è ospite abituale di orchestre quali i Wiener Symphoniker, la Salzburger Kammerorchester, la Miami Great Symphony Orchestra, I Virtuosi Italiani e ha lavorato con l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano sotto la direzione di Riccardo Muti.

Ideatrice di spettacoli estremamente originali e nuovi, propone da sempre repertori classici e programmi riscoperti in un personale percorso aperto a diverse forme d’arte, e da lei generato come interprete musicale, autrice di testi, e regista. Ambasciatrice della musica italiana nel mondo, Luisa Sello è anche tra gli artisti sostenuti dai Ministeri degli Affari Esteri e delle Attività Culturali. Docente al Conservatorio di Trieste e Professore ospite all’Università di Vienna e di Graz, viene regolarmente invitata presso Istituzioni Accademiche in Giappone, Cina, Argentina, USA, Russia, Austria, Germania, Spagna, Estonia. La critica l’ha definita ‘Ute Lemper del flauto’ (Il Tempo) per le sue ‘grandi doti di interprete, padronanza assoluta degli strumenti, dominio imperioso della scena, leggerezza da etoile’.

Accanto a lei l’Accademia Musicale Naonis, orchestra pordenonese giunta ormai al suo ventesimo anno di attività, unanimemente riconosciuta fra le più rappresentative orchestre regionali con musicisti provenienti dalla nostra regione e dal vicino Veneto. A completare l’organico il quartetto d’archi fondato dalla stessa Sello, Donatello Ensemble, gruppo che abbina personali doti solistiche all’esperienza cameristica, con un repertorio che spazia dal barocco al contemporaneo in cui il flauto si integra alle sonorità degli archi.

Fiume di Note prosegue mercoledì nella Chiesetta della Pietà di Sacile con il concerto “Il Cantiere dell’arte” (ore 20.45) in collaborazione con il Comune di Sacile e la Fondazione Luigi Bon: musiche di Ludwig van Beethoven e Amadeus Mozart per l’ensemble di fiati diretta da Claudio Mansutti. Giovedì 30 agosto sarà la volta del Piccolo Coro Artemìa nel concerto “Voci nell’Aria”. La rassegna proseguirà fino al 9 settembre.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!