Il Diapason d’oro premia giovani musicisti promettenti

5 Maggio 2018

Filippo Michelangeli

PORDENONE. Termina domenica 6 maggio alle 18, nell’Auditorium Concordia di Pordenone, la quarta edizione del “Diapason d’oro”, il concorso internazionale per giovani musicisti promosso dall’associazione Farandola in collaborazione con la Regione, all’interno del Pordenone Music Festival diretto da Filippo Michelangeli. La cerimonia di premiazione dei vincitori, con l’ambita assegnazione dei “Diaposon d’oro” e del montepremi di euro 3.500 verrà affiancata dall’esibizione dei migliori concorrenti. Alla prestigiosa rassegna friulana si sono iscritti quest’anno ben 239 candidati da tutta Italia, isole comprese, e dall’estero, segnando una crescita del 23% rispetto all’anno prima.

Il Concorso è diviso in sette sezioni: archi, arpa, chitarra, fiati, pianoforte, musica da camera/pianoforte a 4 mani ed ensemble. La sezione più affollata è stata quella di pianoforte con 41 concorrenti. Nelle commissioni sedevano 18 musicisti (docenti di Conservatorio, professori d’orchestra, solisti e compositori). Tutte le prove si sono svolte nella accogliente sede del Seminario Diocesano che in questi anni anni è stato partner prezioso e sostenitore convinto del Diapason d’oro.

«Partecipare al “Diapason d’oro” – ha dichiarato il direttore artistico Filippo Michelangeli – non è solo un cimento per i giovani concorrenti, ma anche per i loro insegnanti che dimostrano di vivere la loro importante professione con passione e spirito di abnegazione. Mandare un proprio allievo a un concorso rappresenta sempre un gesto di fiducia verso il ragazzo, verso sé stessi perché si è consapevoli di essere bravi docenti e verso i commissari a cui si affidano i propri allievi. Desidero ringraziare i tanti colleghi che hanno avuto fiducia in noi – ha proseguito Michelangeli – e dirgli che la loro attenzione è il nostro premio». Nelle precedenti edizioni si sono laureati numerosi vincitori del Diapason d’oro che oggi hanno intrapreso brillanti carriere concertistiche, come il violinista pordenonese Nicola Di Benedetto e la pianista tarantina Fernanda Damiano.

L’ingresso è libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Si consiglia comunque di prenotarsi: ​tel. 0434-363339; cell. 340-0062930 scrivi@farandola.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!