Il contest RaccontaEstero approda alle premiazioni

20 Febbraio 2021

PORDENONE. Raccontare storie è un atto “politico”, perché il racconto che scegliamo di condividere ha sempre un potere enorme: quando sono i più giovani a tramandare la loro esperienza formativa in un Paese estero, si accende una finestra su ragazze e ragazzi che hanno scelto di formarsi anche “sul campo” andando a vedere le cose con i propri occhi, laddove le cose accadono. Per conoscerle davvero, trasformandole in opinioni e in azioni concrete. RaccontaEstero, il Concorso indetto da Irse-ScopriEuropa per orientare i giovani nella scelta e nell’organizzazione pratica di esperienze formative all’estero, ancora una volta, grazie agli elaborati e alle tante storie arrivate nei mesi scorsi, potrà restituire uno spaccato prezioso sulle giovani generazioni incaricate di prendere in mano il futuro: cittadini consapevoli e attivi su più fronti, da quello ambientale a quello politico e sociale.

Matteo Caccia

La XIX edizione di RaccontaEstero ha permesso di interrompere la sensazione di immobilità e chiusura che ci ha ingessato nell’anno del Covid, e ha registrato l’arrivo di 123 racconti da tutta Italia e anche da altri Paesi europei: storie in 3.000 battute, legate a una significativa esperienza di viaggio all’estero – lavoro, volontariato, studio, tirocinio, avventura – spazi inclusi, corredate da una breve sintesi in lingua inglese. L’occasione per conoscere molte di queste esperienze, e i giovani che le hanno compiute, arriverà con l’attesa premiazione in programma martedì 2 marzo alle 18.30, in diretta accessibile per tutti sulla pagina Facebook IRSE-ScopriEuropa e sul Canale Youtube Cultura Pordenone.

E a sfogliare quelle storie sarà uno storyteller d’eccezione, Matteo Caccia, noto autore e narratore di storie per la tv, il teatro e la radio. Matteo Caccia raccoglie, scrive e racconta: Amnèsia, Pascal Radio 2, VendoTutto, Voi siete qui e ora Linee d’ombra a Radio24 sono solo alcuni dei “cult” radiofonici che lo hanno reso familiare al grande pubblico. E come autore ha firmato Amnèsia (2009) e Il nostro fuoco è l’unica luce (2012) per Mondadori, Il silenzio coprì le sue tracce per Baldini + Castoldi (2017). È maestro di Brand New alla Scuola Holden. Sarà proprio lui a raccontare al pubblico alcune delle storie dei 15 vincitori di RaccontaEstero 2020, affiancato da Eleonora Boscariol dell’Istituto Regionale di Studi Europei del Friuli Venezia Giulia.

I 123 racconti in gara, pervenuti alla commissione giudicatrice 2020, provengono da Abruzzo (4), Basilicata (1), Calabria (1), Campania (4), Emilia Romagna (8), Friuli-Venezia Giulia (38), Lazio (7), Liguria (3), Lombardia (9), Marche (4), Molise (1), Piemonte (8), Puglia (1), Sardegna (2), Sicilia (4), Toscana (10), Trentino-Alto Adige (2), Umbria (1), Veneto (11). Ma anche Canada (1), Spagna (1), Azerbaijan (1) e Svizzera (1).

Uno sguardo sui vincitori della XIX edizione prende la mosse da Giulia Compierchio di Roma, 1° premio over 20 con il racconto delle proprie esperienze di Woofing e Workaway in eco-fattorie e aziende biologiche della Spagna rurale, per studiare da vicino esempi ecologicamente virtuosi delle Isole Canarie; Daniele Speziale di Savona, 2° premio over 20 con il racconto del suo periodo di ricerca alla Universiti Sains Malaysia e una incisiva riflessione sugli stereotipi che ancora si manifestano nell’approccio degli europei alle popolazioni pre-coloniali; Sara Mattera di Ischia, 3° premio a pari merito over 20, racconta paradossi di politica e religione riscontrati durante un tirocinio in Slovacchia; Annamaria Ristori di Colle Val d’Elsa, 3° premio a pari merito over 20, parla di un’esperienza di lavoro come venditrice porta a porta nel Regno Unito post Brexit, notando come nel cuore della Londra di Johnson, nonostante le politiche di chiusura, le porte siano sempre aperte per i giovani immigrati; Frej Aleksandra di Porcia, 3° premio a pari merito over 20, descrive il ritorno in Polonia, suo Paese d’origine, proprio durante lo “sciopero delle donne” per il diritto all’aborto lo scorso autunno; Carlo Rey Lacsamana di Lucca, 3° premio a pari merito over 20, si fa portavoce di tutti coloro per i quali l’estero è l’Italia, condividendo la sua esperienza di migrazione dalle Isole Filippine alla Toscana; Erica Presta, Francesca Coltraro, Elena Fiorenza, Sofia Levorato, 4° premio a pari merito over 20, raccontano rispettivamente esperienze di lavoro in Bulgaria e Spagna, au-pair in Australia e Erasmus a Bruxelles.

Gabriele Bergamo di Zoppola, 1° premio under 20 e Giulia Castellarin di San Vito al Tagliamento, 2° premio under 20, con i racconti del loro anno da exchange students Intercultura in Cile e Perù; Riccardo Eger di Brugnera, Michele Castrezzati di Rodengo Saiano e Bellinger Anita di Cordenons, 3° premio a pari merito under 20, grazie a un tirocinio al National Institute of Biology di Piarano, un viaggio zaino in spalla attraverso il Vietnam e uno stage all’Università di Innsbruck.

Sono stati assegnati 10 premi in denaro per la sezione over 20 e 5 premi in denaro nella sezione under 20. Tutti i racconti vincitori sono stati pubblicati nell’inserto “Omnibus” de Il Momento di Gennaio-Febbraio 2021. Altri 15 racconti, over e under 20, sono stati segnalati come meritevoli di attenzione e verranno pubblicati nell’inserto “Omnibus” de Il Momento, nel numero estivo di luglio-agosto 2021. La premiazione del Concorso ha il sostegno di Regione Fvg, Europe Direct Pordenone, Bcc Pordenonese e Monsile.

Condividi questo articolo!