Il battesimo del pubblico per il dinosauro Bruno a Sistiana

30 Luglio 2018

Il cranio e parte del collo di Bruno

TRIESTE. Lo scorso gennaio la Soprintendenza Archeologica belle arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, ha incaricato a titolo gratuito la ditta Zoic – che alla fine degli anni Novanta aveva estratto e preparato il noto dinosauro del Villaggio del Pescatore Antonio – di preparare quanto oltre vent’anni or sono era stato estratto riguardante “Bruno”, il secondo dinosauro completo proveniente dal Villaggio del Pescatore.

Bruno, il cui cranio era ancora custodito dal terreno prima della recente estrazione (la coda è ancora nella roccia), è un adrosauro simile ad Antonio, probabilmente un metro più lungo. Curiosa la sua dislocazione su una piega degli strati che curvano il fossile su se stesso per 180°: da un lato cranio, collo, dorso, dall’altro coda e zampe. La frammentarietà del reperto ha reso le operazioni di preparazione chimica molto delicate, la preparazione dell’animale, che ha seguito gli standard utilizzati alla fine degli anni 90 (sgrosso meccanico e rifinitura a getto d’acido formico), infatti, si è presentata molto complessa a causa della frammentazione del fossile. Via via in queste settimane hanno preso forma le fattezze di Bruno. L’animale, ora quasi completo, risulta più lungo di Antonio, con una dimensione di circa 5 metri.

La presentazione alle autorità e alla stampa avverrà martedì 31 luglio alle 18 alla Palazzina Infopoint di Sistiana, dove il reperto resterà esposto al pubblico da mercoledì 1 a domenica 19 agosto.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!