I tre vincitori regionali delle Olimpiadi di Neuroscienze

16 Marzo 2018

TRIESTE. Davide Morgante del Liceo scientifico Marinelli di Udine, Irene Iob dell’ISIS Paschini-Linussio di Tolmezzo e Virginia De Tina del Liceo classico Stellini di Udine: sono loro i tre “cervelli” vincitori della gara regionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze, che si è svolta stamattina al Polo Didattico di Valmaura, a Trieste. La gara – inserita fra le attività della Settimana del Cervello 2018 – ha visto la partecipazione di 65 studenti delle scuole secondarie di II grado provenienti da Trieste, Udine, Cervignano, Monfalcone, Gorizia, Gemona e Tolmezzo.

Nella gara coordinata dal professor Piero Paolo Battaglini dell’Università di Trieste, Davide (17 anni), Irene (19 anni) e Virginia (17 anni) hanno combattuto fino all’ultimo tra cruciverba, prove di attenzione, domande vero o falso e a eliminazione diretta, su temi come l’anatomia cerebrale, il sistema nervoso, le cellule staminali, il dolore, la memoria, la percezione. La mattinata è stata densa di occasioni per mettersi alla prova su argomenti che per molti ragazzi sono una vera a propria passione personale. Nel futuro, infatti, i tre vincitori vedono un probabile proseguimento degli studi nell’ambito della medicina e delle neuroscienze. E il coinvolgimento dei ragazzi nel mondo scientifico rientra perfettamente fra gli obiettivi dell’iniziativa, organizzata da Immaginario Scientifico e Università di Trieste, ed è promossa dal Comune di Trieste – Assessorato all’Educazione, Scuola, Università e Ricerca nell’ambito del Protocollo d’Intesa “Trieste Città della Conoscenza”.

Premiati dall’Assessore comunale all’Educazione, Scuola, Università e Ricerca Angela Brandi, dalla professoressa Paola Lorenzon dell’Università di Trieste e dal presidente dell’Immaginario Scientifico Mario Bucher, i 3 ragazzi hanno vinto un e-book ciascuno, e in maggio avranno l’occasione di rappresentare il Friuli Venezia Giulia alla fase nazionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze, a Catania. Qui verrà selezionato il miglior studente italiano, che in luglio volerà a Berlino per la finale internazionale, l’International Brain Bee.

L’evento nasce negli Stati Uniti nel 1998 e attualmente coinvolge più di 40 paesi in tutto il mondo. L’Italia partecipa alla competizione internazionale dal 2010 con le Olimpiadi delle Neuroscienze, che hanno progressivamente coinvolto tutto il territorio italiano fino ad arrivare nell’edizione del 2017 a 18 regioni e 217 scuole con una partecipazione di 5.339 studenti. Promotore dell’evento nazionale è la Società Italiana di Neuroscienze (SINS), che rappresenta la più importante società scientifica nazionale a carattere interdisciplinare per lo studio del Sistema Nervoso e delle sue malattie.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!