I percorsi di Approdi: domani teatro e audiopainting

30 Agosto 2018

TRIESTE. Particolarmente intenso e artisticamente variegato il secondo week end di “Approdi”, il festival multidisciplinare che utilizza spazi di spettacolo non convenzionali o propriamente teatrali, scegliendo per le performance “site-specific” suggestive location urbane, sfondo ideale per gli eventi itineranti che connotano la kermesse diretta dall’attore Lorenzo Acquaviva, tra teatro, danza, musica e live performance.

Giulio Masieri (Foto Elia Falaschi)

Dalle 20.30 di venerdì 31 agosto doppio appuntamento con il secondo Tour Industriale dell’edizione: protagonista la Compagnia Fabbrica delle Bucce che all’interno del Magazzino 26 presenterà “L’Ospite. E se un dio fosse dall’olimpo sceso?”, uno spettacolo che parla di coloro che viaggiano e di coloro che accolgono, dedicato ai viaggiatori di ogni specie e provenienza, portatori di futuro. Poiché forse, come credevano gli antichi, sotto le spoglie del pellegrino e del viaggiatore si nasconde la figura di un dio…

La Fabbrica delle Bucce anche quest’anno mette in scena uno spettacolo avvalendosi di attori provenienti dalle culture più diverse. A seguire (ore 21.40 circa), il pubblico si sposterà alla Centrale Idrodinamica per ritrovare anche quest’anno, dopo il grande successo della scorsa edizione, l’artista Giulio Masieri nello spettacolo-performance “Musical Art”, con l’accompagnamento musicale di Luca Grizzo. Acclamatissimo lo scorso anno, Masieri porta il suo nuovo spettacolo di audiopainting in cui dipinge una grande tela collegata a dei sensori che permettono di “suonarla”. La tela diventa un medium fra l’artista e il pubblico, uno schermo del quale è Giulio a detenere il controllo e a decidere cosa lasciarci scorgere del suo pensiero, dei suoi sentimenti e della sua anima. Al termine degli spettacoli il terzo evento della serata che, come di consueto, si conclude con un momento di convivialità e di aperitivo-degustazione con il pubblico.

Si segnala che è stata invece spostata a data da destinarsi causa impegni delle artiste la performance di danza verticale precedentemente annullata per il mal tempo. Il festival prosegue sabato 1 settembre con il Tour Spirituale: partenza alle 20.30 alla Chiesa Luterana dove la Compagnia CoraViento proporrà l’intenso viaggio di musica e di ballo flamenco, ispirato alla tradizione e accostato alla musica contemporanea, “Noche de Flamenco”. Un emozionante spettacolo in cui i caldi suoni della tradizione si fondono assieme alle voci e ai battiti delle mani dei ballerini, creando un’atmosfera coinvolgente e travolgente.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!