I Concerti dei Docenti del Conservatorio Tomadini

6 Marzo 2019

UDINE. Il Conservatorio Statale di Musica “Jacopo Tomadini” di Udine percorre anche quest’anno la traccia progettuale seguita nel corso della passata edizione al fine di offrire privilegiata cornice alla stagione concertistica dedicata ai docenti. Ventidue interpreti, docenti ed ex docenti, studenti ed ex studenti, animeranno sei appuntamenti solistici e cameristici, ambientati ancora nell’elegante palcoscenico cittadino del Centro Culturale delle Grazie in via Pracchiuso 21, e due serate in prestigiosi contesti sacri, la Chiesa di S. Quirino e la Chiesa di S. Chiara in via Gemona.

La programmazione degli otto appuntamenti prosegue e sviluppa la concezione ampia e aperta dei progetti concertistici presentati dai docenti partendo dalla musica di Johann Bach per giungere alle più attuali esperienze creative e ad alcune prime esecuzioni assolute; ognuno di questi, nel proporre perlopiù opere di raro ascolto e di fondamentale spessore storico ed estetico, si caratterizzerà per un peculiare e inedito spunto di ricerca storico-musicologica che ha animato alle fondamenta l’ideazione e la compilazione del programma. A partire dal primo appuntamento, previsto per dopodomani e, in omaggio alla Festa della donna, caratterizzato dalla presenza di figure femminili dedicatesi alla composizione, ogni progetto si snoderà a partire da un particolare tema conduttore legato ora agli strumenti musicali e alle formazioni cameristiche – l’ottavino, il confronto fra l’organo e il pianoforte, il duo clarinetto e violoncello – ora ad autori, generi e stili – Leopold, padre di Mozart, Ravel e le danze, ancora Debussy in continuità con il grande progetto realizzato lo sorso anno nel centenario della scomparsa – ora, infine, legato al fondamentale impulso evolutivo offerto dall’adozione della tecnica dodecafonica agli inizi del Novecento.

Va rilevata l’importante novità della modifica dell’orario d’inizio dei concerti al Centro Culturale delle Grazie, anticipato alle 19, mentre i concerti che si terranno nella Chiesa di S. Quirino e nella Chiesa di S. Chiara saranno rispettivamente programmati alle 20.45 e alle 21.

Ed ecco il programma dei concerti
8 marzo – FRANZ LISZT Elegie per corno inglese e pianoforte (1874); CLEMENCE DE GRANDVAL Trio de salon per oboe, fagotto e pianoforte (1850 c.) – Andantino – Allegro moderato; AMILCARE PONCHIELLI Ricordanze della Traviata per flauto, oboe, clarinetto e pianoforte (s.d.); GERMAINE TAILLEFERRE Menuet en fa per oboe, clarinetto, fagotto e pianoforte (1976) Sonata champêtre per oboe, clarinetto, fagotto e pianoforte (1976) Allegro moderato – Andantino – Allegro vivace, gaiement.

11 marzo – PAUL TAFFANEL Andante pastoral – Scherzettino; PAUL AGRICOLE GENIN Carnaval de Venise op.14; LUIGI HUGUES Sonate fantastique op.100; SIGFRID KARG-ELERT 1. Idylle champêtre 2. Danse pittoresque 3. Colibrì 4. Lotus 5. Evocation à Brahma; ALESSANDRO CAVICCHI Three Moods for Piccolo and Piano.

14 marzo ore 20.45 Chiesa di San Quirino (Via Gemona 60) BACH E IL SUO DOPPIO – OPERE PER ORGANO E TRASCRIZIONI PER PIANOFORTE – Musiche di: Johann Sebastian Bach, Samuil Feinberg, Wilhelm Kempff, Camille Saint-Saëns, Carl Tausig.

18 marzo – RENATO MIANI Fantasia super Veni Sancte Spiritus (2016); MAURO MONTALBETTI Madrigale onirico (2017); VIRGINIO ZOCCATELLI Sentieri d’oriente (2014) Cantabile-Calmo-Scorrevole-Fiero; PAUL HINDEMITH Ludus Minor (1944) Fuga prima ex C-Interludium-Fuga seconda ex G-Interludium-Fuga tertia ex F; CLAUDIO AMBROSINI Grande Fratello (2017); NICOLAS BACRI Night music op. 73 (2001) Elegy-Scherzo-Lullaby; MARIO GUIDO SCAPPUCCI Non più mesta blues (a.C.) (2018); GUILLAUME CONNESSON Disco-Toccata (1994).

25 marzo – CLAUDE DEBUSSY – Six Épigraphes antiques pour piano à quatre mains (Pour invoquer Pan, dieu du vent d’été Pour un tombeau sans nom Pour que la nuit soit propice Pour la danseuse aux crotales Pour l’Égyptienne Pour remercier la pluie au matin), Rapsodia Moresca per sassofono, Syrinx, Premiere Rhapsodie per clarinetto.

15 aprile – A. WEBERN Quartetto per violino, clarinetto in Sib, saxofono e pianoforte; A. BERG – Vier stücke op.5 per clarinetto e pianoforte; A. ZEMLINSKY Trio in re minore op.3 per clarinetto, violoncello e pianoforte (Allegro ma non troppo Andante Allegro); L. NONO Polifonica- Monodia- Ritmica (1951) per flauto, clarinetto in Sib, clarinetto basso, saxofono alto in Mib, corno in Fa, pianoforte, 4 percussionisti, direttore dell’Ensemble.

13 maggio – MAURICE RAVEL menuet antique – pavane pour une infante défunte – menuet sur le nom d’Haydn – à la manière de Borodine (valse) – valses nobles et sentimentales – le tombeau de Couperin (prélude fugue forlane rigaudon menuet toccata).

20 maggio Ore 21 Chiesa di Santa Chiara (via Gemona 23 Udine) – LEOPOLD MOZART Sinfonia di camera in fa maggiore per 2 viole, 2 violoncelli e basso – Sinfonia burlesca in sol maggiore per 2 viole, 2 violoncelli e basso; JOHANN GEORG ALBRECHTSBERGER Adagio e fuga per 2 viole e 2 violoncelli; LEOPOLD e WOLFGANG AMADEUS MOZART brani per organo solo.

Condividi questo articolo!