I bimbi afghani a rischio morte ‘tema caldo’ di Link

1 Settembre 2021

Andrea Iacomini

TRIESTE. L’infanzia in fuga degli ultimi giorni di Kabul: «C’è evidenza di molti minori non accompagnati nei pressi dell’aeroporto, bambini e bambine che hanno perso tutto e sono stati spettatori di violenze inaudite. In Afghanistan quasi 10 milioni di bambini hanno un disperato bisogno di aiuti umanitari. Se non si interverrà tempestivamente 1 milione di bambini sotto i 5 anni saranno a rischio di vita a causa della malnutrizione acuta grave». Lo ha spiegato il portavoce di Unicef Italia Andrea Iacomini, ricordando che in Afghanistan oltre 4 milioni di minori non vanno a scuola e 300 mila sono i bambini in fuga che hanno bisogno di tutto e che senza protezione rischiano reclutamento, violenze e matrimoni precoci.

Dell’emergenza Afghanistan, degli scenari globali e dell’allarme per l’infanzia rimasta senza protezione nel Paese si parlerà all’8^ edizione di Link Festival, in programma da giovedì 2 a domenica 5 settembre nella Fincantieri Newsroom di Trieste. A cominciare dall’evento inaugurale, giovedì 2 settembre alle 19, con la 10^ edizione del Premio FrulAdria Testimoni della Storia assegnato al Direttore del quotidiano La Repubblica Maurizio Molinari, in dialogo con il Presidente Ispi e Fincantieri Giampiero Massolo e con il direttore dei quotidiani Messaggero Veneto e Il Piccolo Omar Monestier.

La drammatica situazione in Afghanistan sarà al centro anche della consegna del Premio Unicef al Direttore del quotidiano Avvenire, Marco Tarquinio: sabato 4 settembre, dalle 11, proprio le grandi questioni internazionali e umanitarie che ruotano intorno all’emergenza afghana saranno al centro del dialogo fra Tarquinio e il portavoce Unicef Andrea Iacomini, condotto dalla giornalista Fabiana Martini. E domenica 5 settembre, dalle 17, i riflettori si sposteranno su un noto musicista e direttore d’orchestra italiano, Beppe Vessicchio, Ambasciatore Unicef, che si confronterà con Giuseppe Magro, presidente della sezione italiana di Iaia, e con il Direttore Generale Unicef Italia Paolo Rozera, Conduce l’incontro la giornalista Roberta Ammendola del “Caffè di Rai1”.

Condividi questo articolo!