Humus Park dopo Palù oggi si sposta a Pordenone

16 Maggio 2016

humus park foto SimonellaPORDENONE. Dopo una settimana di lavoro al Palù di Livenza sono state svelate al pubblico le opere realizzate con materiali naturali dagli artisti di Humus Park e presentate dal critico Angelo Bertani con la preziosa documentazione fotografica di Guido Cecere. Durante la piccola cerimonia conclusiva della prima settimana è stato anche assegnato il Premio Gea, conquistato da Francesco Bortolin e Fabio Pes dell’Isis di Brugnera. Hanno realizzato le loro opere, lavorando a coppie Strijdom van der Merwe, Simone Pivetta (Sudafrica e Italia); Robert Kabai, Ágnes Deli (Ungheria); Gyöngy Laky, Paul Discoe (California); Marijus Gvildys, Marat Anturi Khasianov (Lituania); Denis Pchelyakov, Anna Peshkova (Kazakistan); Peter Mignozzi, Matej Avbar (Slovenia); Pat van Boeckel, Karin van der Molen (Olanda); gli italiani Flavio Da Rold, Giorgio Vazza, Orietta Masin, Cristina Lombardo, Stefano Jus, Mohamed Chabarik, Michele Bazzana, Paola Pasquaretta, Andrea Venerus, Matteo Biason e gli studenti dell’Isis di Brugnera, dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna e dell’Accademia di Belle Arti di Brera-Milano.

I semi dell'arte, opera di Flavio Da Rold e Giorgio Vazza

I semi dell’arte, opera di Flavio Da Rold e Giorgio Vazza

Da oggi 16 maggio Humus Park si sposta a Pordenone (parchi di Torre e del Seminario) con l’arrivo di altri artisti: Kim Cao, Matteo Biason (Francia e Italia); Marcin Jabloήski, Monika Kudlacz (Polonia); Natalia Koryakina, Ksenia Novikova (Russia); Mark Haden Ford, Rebecca Ford (Gran Bretagna); Gyöngy Laky, Paul Discoe (California); Marie Helene Hess Boson, Naydu Certa-Torres (Svizzera); Pedro Campos Costa, Rossano Cacciali (Portogallo e Italia). Gli artisti italiani saranno: Marco Pasian, Giorgio Chiarello, Renato De Marco, Guerrino Zorzit, Renzo Cevro-Vukovic, Giulio Masieri, Simone Prudente, Andrea Mazzoli, Nicolas Vavassori, Paolo Primon. Parteciperanno gli studenti del Liceo Artistico Galvani di Cordenons, dell’Accademia di Belle Arti di Carrara e dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. L’inaugurazione sarà sabato 21 maggio alle 17 alla Bastia del Castello di Torre.

Le foto sono di Angelo Simonella.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!