Grande musica da camera con il Sestetto Stradivari

23 Gennaio 2017

UDINE. L’attesa serata con la grande musica da camera è arrivata: il Sestetto Stradivari sarà protagonista della 95° Stagione degli Amici della Musica di Udine mercoledì 25 gennaio alle 20.30 al Teatro Palamostre, con un programma dedicato ai grandi classici. Appuntamento imperdibile per gli abbonati, per i soci e per gli amanti dell’ascolto stellato. Si tratta infatti di un ensemble che da oltre 15 anni riscuote consensi ad ampio raggio, non solo per le sue performance live nei grandi teatri del mondo, ma anche per le incisioni in sala. David Romano e Marlène Prodigo ai violini, Raffaele Mallozzi e David Bursack alle viole, Diego Romano e Sara Gentile ai violoncelli hanno scelto per la loro tappa udinese due autori coevi: Johannes Brahms e Petr Ilic Ciaikovski. Del compositore tedesco ascolteremo il Sestetto op. 36 in sol maggiore, risalente al 1865, mentre del sommo musicista russo sarà tutta da gustare la lettura del Sestetto op. 70, conosciuto con il sottotitolo di “Souvenir de Florence”: vuole essere un omaggio affettuoso alla città toscana, nella quale Ciaikovski trascorse un riposante soggiorno nell’inverno del 1890.

Il gruppo ospite al Palamostre – una delle punte del cartellone stagionale – si è costituito nel 2001 a Roma per un evento a Castel Sant’Angelo. L’affiatamento, la coesione e la passione profusa per l’impegno, hanno in breve trasformato un evento occasionale in un progetto di più ampio respiro, che ora vede il Sestetto Stradivari impegnato in concerti per importanti istituzioni concertistiche nazionali e internazionali. Negli ultimi anni, il gruppo è stato invitato da prestigiose associazioni nazionali, quali il Festival Paganiniano, gli “Amici della Musica di Firenze”, l’Associazione Musicale Alessandro Scarlatti di Napoli e l’Accademia Musicale Chigiana, partecipando poi a varie edizioni romane della “Notte Bianca” e della “Notte dei Musei”, al Festival I Suoni delle Dolomiti e a numerosissime stagioni concertistiche in Italia e all’estero, con tour in Argentina, Perù e Brasile (anche per la settimana della cultura italiana in occasione dei Mondiali di Calcio) e in Cina con una serie di concerti nelle più importanti sale del circuito cinese (tra cui Shanghai Oriental Art Center e Beijing Concert Hall). Un anno fa ha pubblicato con la Vdm Records un Cd con musiche di Schoenberg e Ciaikovski, premiato con 4 stelle dal mensile Musica.

Il concerto del Palamostre sarà preceduto da un virtual & live alle ore 19,30 nella saletta didattica. All’incontro partecipano David Romano e Igor Fiorini, producer e sound director dell’ultimo cd del sestetto, shortlisted all’ultimo Grammy Award. Il file del disco sarà riprodotto in alta definizione da un impianto Audio Graffiti – leader del settore di HiFi e vera istituzione per gli audiofili – con l’intento di avvicinare i due pubblici destinatari di un’operazione del genere. Al centro della scommessa, la dimostrazione di come una registrazione “artistica”, nel senso tecnologico del termine, possa essere paragonata a un vero e proprio concerto, offrendo la possibilità di ascoltare prima da un impianto e poi dalle mani dei musicisti lo stesso identico brano. Un ponte tra virtuale e reale, che abbatterà la classica barriera esecutore / pubblico in una rara occasione di eccellenza.

Sostenuta Regione Fvg, Comune di Udine e Fondazione Friuli, l’Associazione Amici della Musica di Udine – presieduta da Luisa Sello – annovera partnership d’eccellenza, tra cui Ocse, Simc e Università di Toronto, accanto alle già consolidate sinergie con Università di Udine, Fondazione Renati, Tx2 del Css, Filologica Friulana e Unesco, ai quali si uniscono Banca di Udine, Amga e Saf, che all’uscita del concerto offre agli utenti il servizio bus gratuito.

Condividi questo articolo!