Giuliano l’Apostata? Mistero

12 Luglio 2019

AQUILEIA. Sabato 13 luglio, all’Hotel Patriarchi, via Julia Augusta, 12 di Aquileia, alle 17,30, incontro divulgativo storico-archeologico, a cura di Stefano Conti, con immagini, musiche e video “Alla ricerca di Giuliano l’Apostata”.

A metà tra storia e archeologia, si tratta di un incontro divulgativo sull’affascinante e poco nota figura di Giuliano l’Apostata: la sua storia, la visione dell’impero, le sue concezioni filosofiche e religiose. Lo spettatore viene coinvolto, con l’ausilio di immagini e spezzoni di film, in un viaggio nello spazio, ma anche nel tempo: dall’Asia minore di epoca romana, alla Costantinopoli sotto l’impero romano d’Oriente, dai crociati veneziani alla Firenze di Lorenzo de’ Medici. Spaziando dall’archeologia classica ai mosaici bizantini, dagli affreschi medievali ai dipinti rinascimentali.

Viene trattato anche un mistero ancora irrisolto dalla ricerca scientifica: nonostante varie ricerche. A tutt’oggi i resti mortali di Giuliano, e i preziosi gioielli sepolti con lui, risultano scomparsi. Per risolvere l’enigma ci si avvale del romanzo Io sono l’imperatore: il giallo storico-archeologico prende le mosse dalla morte in battaglia di Giuliano e ruota intorno al mai ritrovato corpo dell’imperatore. Si ripercorrono gli spostamenti nei secoli della tomba dell’ultimo imperatore pagano della storia. Vengono quindi mostrate immagini di personaggi storici e di siti archeologici dove si ipotizza siano stati portati le spoglie e il tesoro dell’Apostata: Tarso, Istambul, Venezia, Firenze, Roma.

Nel corso dell’incontro due attori teatrali interpretano brani significativi tratti dalle opere di Giuliano e dai libri di Stefano Conti inerenti le iscrizioni e i testi medievali, rinascimentali e contemporanei che hanno trattato dell’ultimo regnante pagano della storia. Letture di brani del romanzo giallo storico Io sono l’imperatore, a cura di Patrizia Giardini e Marcello Moscoloni.

Partecipazione libera; seguirà bicchierata. Al termine, per chi vorrà, sarà possibile fermarsi a cena nel ristorante (€ 25). Iniziativa organizzata dalla Società friulana di archeologia nell’ambito del progetto “Archeoinsieme – Aquileia Mater – 2200 anni dalla fondazione di Aquileia” con il sostegno della Regione e della Fondazione Friuli e con il patrocinio del Consiglio Regionale, Comune di Aquileia, Comune di Udine, Fondazione Aquileia, Fondazione Carigo.

Condividi questo articolo!