Una giornata a Sutrio dedicata alla magia del legno

2 Settembre 2016

SUTRIO. Domenica 4 settembre, a Sutrio, nella cornice della popolare manifestazione “Magia del legno”, l’Ente regionale per il patrimonio culturale presenta una ricca serie di eventi che intendono valorizzare, grazie anche all’attiva collaborazione di Comune, Pro Loco e Albergo diffuso, questa fondamentale risorsa del territorio dal punto di vista dell’archeologia, del restauro, dell’arte moderna e contemporanea, della fotografia e della musica.

sifaAlle 10.30, nella Sala polifunzionale di via Roma, accanto al municipio, si aprirà il convegno che presenterà i saperi, i materiali, le tecnologie legate alla presenza del legno sul territorio regionale in un’affascinante “carrellata” di interventi e immagini, a partire dall’archeologia subacquea che, come ricorderà Rita Auriemma, oggi è in grado di evidenziare l’avanzata tecnologia del legno nelle costruzioni navali antiche, capaci di solcare tutto il vasto Mediterraneo.

I restauratori Luciana Simonetti e Francesco Candoni illustreranno le bellezze della scultura lignea, così tipica dell’ambiente carnico, mentre l’arte contemporanea sarà presentata grazie alle opere del friulano Pino Mucchiut; la casa e il legno saranno poi i temi al centro degli interventi della “Filiera del Legno FVG” e dell’architetto Pietro Valle, giovane esponente di una “dinastia” che ha fatto la storia dell’architettura. La mattinata proseguirà con il racconto dell’installazione “RADURA”, a cura di “Innova FVG”, realizzata con il legno della Carnia su progetto dell’architetto Stefano Boeri, autore del “Bosco Verticale” a Milano, premiato come “il più bel grattacielo del mondo” nel 2015. Infine Erika Andenna presenterà il forte legame socio-economico tra legno e comunità, vera “mission” del Consorzio Boschi Carnici.

Un’inedita “performance” artistica sarà presentata, sempre nella stessa sala, alle 15, da due artisti carnici “doc”, come la fotografa Ulderica Da Pozzo e il musicista Luigi Maieron, che racconteranno “Il bosco dell’anima e delle stagioni”, mentre, a seguire, il maestro Giovanni Canciani improvviserà melodie barocche sui tasti di un prezioso clavicembalo realizzato con il legno della Val Pesarina. Ultima “chicca” dell’appuntamento: un video inedito del regista friulano Paolo Comuzzi, “Pino Mucchiut. Dall’emozione alla materia”, dedicato alle più moderne espressioni artistiche in legno. Non mancheranno infine i laboratori didattici per i più piccoli, animati da esperti locali, con varie tecniche di lavorazione del legno.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!