I friulani e la Transiberiana in un film di Christiane Rorato

15 Maggio 2017

GEMONA. Continua la tournée friulana della regista francese, friulana d’origine, Christiane Rorato con il suo ultimo film I dimenticati della Transiberiana (2017) che la Cineteca del Friuli presenta al Cinema Sociale di Gemona mercoledì 17 maggio alle 21. A introdurre la proiezione insieme alla regista ci sarà lo storico Carlo Gaberscek e, per l’occasione, al Sociale saranno esposti fino al 31 maggio i disegni con colori per vetro creati per il film da Maria Grazia Renier.

Già autrice di altri lavori di soggetto friulano, fra cui Guerrieri della notte (2003), ripreso dai Benandanti di Ginzburg, e di La rugiada del tempo, i cantori di Cercivento (2011), affascinata dalla terra dei suoi antenati e specializzata nel recuperare fra le pieghe della storia episodi e personaggi poco noti o del tutto sconosciuti ma che si rivelano importanti e di grande fascino, Christiane Rorato ha incentrato il suo ultimo film sull’epopea degli emigranti friulani che, tra la fine del 1800 e gli inizi del ‘900, contribuirono alla costruzione della mitica ferrovia Transiberiana, completata un secolo fa. Le riprese, fatte da Bruno Beltramini e dalla stessa Rorato, sono state realizzate in parte in Friuli nel 2013, a partire da Ursinins Piccolo dove sono state ritrovate, in un vecchio libro di preghiere sopravvissuto al terremoto, le poche parole da cui prende avvio la storia, scritte da Luigi Giordani (1857-1921), uno dei tanti scultori, scalpellini e muratori friulani che all’epoca partirono in cerca di lavoro verso quelle terre lontane.

La sceneggiatura si arricchisce poi di altre storie, intrecci, ricordi, personaggi, come la contessa Pierina di Brazzà Savorgnan Cergneu (1846-1936), che raggiunse il marito ingegnere impegnato nei lavori della ferrovia a Missavaia, sulla riva meridionale del lago Bajkal, e che è interpretata dalla stessa Rorato. Un importante contributo lo hanno dato le lunghe e accurate ricerche di Romano Rodaro, nato in Francia da emigranti friulani, che compare nel film e ha seguito la Rorato fino in Siberia, i cui paesaggi sono fondamentali per creare il senso di lontananza spaziale e temporale che la visione trasmette. I dimenticati della Transiberiana sarà successivamente proiettato, sempre alla presenza di Christiane Rorato, al Cinema David di Tolmezzo (venerdì 19, ore 20.30) e all’Auditorium di Rivignano (mercoledì 24, ore 20.30).

Condividi questo articolo!