Francesco Imbimbo – Ho lasciato sognare una linea

7 Aprile 2017

GORIZIA. Sabato 8 aprile alle 18 sesto appuntamento della rassegna “Ho lasciato sognare una linea“ – artisti in dialogo, ideata dall’Associazione Culturale Prologo con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia e il sostegno di Uniqa Assicurazioni. Ospite l’artista goriziano Francesco Imbimbo (Trieste 1973). Legato al disegno da una consuetudine che risale alla prima fanciullezza, attinge da una visionarietà inquieta, temprata nel dialogo con la tradizione surrealista e simbolista, il lessico di un’autentica scrittura per immagini, imbevuta di suggestioni letterarie e filosofiche, impegnata in un confronto serrato con i temi più scottanti della contemporaneità, che da anni osserva attraverso la lente deformante dell’ironia.

Se, da un lato, la propensione all’interpretazione di tematiche complesse ha sovente portato all’applicazione del suo lavoro nel campo dell’illustrazione, aprendo, ad esempio, una collaborazione tuttora in corso con l’Alta Scuola di Psicologia Agostino Gemelli della Cattolica di Milano (approdata a manifesti e copertine per l’editore Franco Angeli), dall’altro, la vocazione all’incontro col testo ha propiziato l’avvicinamento al mondo del teatro, al fianco di Francesco Macedonio, anche in qualità di scenografo. Ad oggi, la sua ricerca nelle arti visive spazia dalla grafica, all’installazione, fino alla regia di cortometraggi incentrati sulla figura di Carlo Michelstaedter, “Risveglio” del 2007 e “Dialogo tra una cometa e la terra” del 2011.

L’attrazione crescente verso la sperimentazione si è concretizzata in installazioni dal taglio concettuale sempre più esplicito, ospiti di cornici espositive o festival della cultura, a Gorizia e location transfrontaliere (stazione Transalpina, Kinemax, Musei Provinciali, Museo di S. Chiara, ecc.), come in Friuli (Museo civico del territorio di Cormons, Galleria comunale di Monfalcone, castello e roseto di Artegna, ecc.). Ha al suo attivo mostre personali e numerose presenze in eventi espositivi in Italia e all’estero. Tra coloro che hanno scritto su di lui si ricorderanno almeno Silvio Cumpeta e Claudio Martelli, che lo incluse nell’ultima edizione del “Dizionario degli artisti di Trieste, dell’Isontino, dell’Istria e della Dalmazia”.

La mostra proseguirà da lunedì 10 a venerdì 14 aprile con orario di apertura dalle 17 alle 19.30 o su appuntamento 3662440162 o info@prologoart.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!