Forma parte oggi da Venzone

4 Ottobre 2019

VENZONE. Fvg – Forma Free Music Impulse taglia il traguardo dei 10 anni. Dal 4 ottobre al 2 novembre, porterà in sei comuni del territorio regionale un programma ricco di concerti, live cinema, performances, proiezioni, workshops e incontri. Il festival, dedicato all’incontro delle arti visive con la musica elettronica, il cinema e le nuove tecnologie, anche quest’anno farà arrivare in regione i progetti più interessanti e ricercati della scena mondiale, trasformando il Fvg in un punto di riferimento all’interno del panorama internazionale dell’elettronica. Un evento che, attraverso performances, workshops, visioni e ascolti, affronterà in maniera organica e interdisciplinare la complessità delle relazioni tra l’uomo, la tecnologia e il territorio.

Oggi venerdì 4 ottobre, dalle 18, si comincerà a Venzone a “Il giardino dei droidi custodi” (via Bertrando Patriarca, 38) con Aki Onda, un artista e compositore originario di Tokyo, ma newyorkese d’adozione, conosciuto per le sue “Cassette Memories”, un diario sonoro dal quale crea composizioni e performance. Una settimana più tardi, l’11 ottobre, dalle 19, ‘’Forma’ si sposterà allo Smo (via Alpe Adria, 73) di San Pietro al Natisone, dove si esibirà ‘L’Impero della Luce’, un duo sperimentale che dal 2018 dedica le sue ricerche alle sonorità dei campi elettromagnetici che sono amplificate e organizzate in tempo reale per svelare la voce delle tecnologie che oscillano ogni giorno attorno a noi.

Il 19 ottobre, dalle 21, la carovana di ‘Forma Free Music Impulse’ sarà a Udine, al Teatro San Giorgio, dove andrà in scena ‘Of Leonardo da Vinci’ (in collaborazione con il Festival Contemporanea), uno spettacolo con la regia di Dam Van Huynh, e con Elaine Mitchener (voce e danza), David Toop (musica e testi), Barry Lewis (film). L’evento clou di questa decima edizione (l’unico a pagamento, 10 euro) è invece in programma il 26, sempre a Udine, dalle 21: sul palco dell’Auditorium Zanon si esibiranno Jessica Ekomane, Nkisi, Moor Mother. Gran finale a Staranzano il 2 novembre, alle 21. Al Dobialab (via Vittorio Veneto, 32) sarà la volta di Cannibal Se/lecter, Warrego Valles, Dj Marfox. Cannibal Se/lecter si dedica principalmente al dubstep e alle basse frequenze, con puntate nell’Idm, per il quale coltiva una passione fin da giovanissimo. Warrego Valles è il progetto elettronico delle produttrici, dj e attiviste queer slovene Nina Hudej e NinaBelle: come la struttura geologica della superficie di Marte da cui prendono nome, le due esplorano le orbite di quello che si muove tra musica da club ed elettronica sperimentale. Dj Marfox, nato e cresciuto a Bairro da Portela, nei sobborghi di Lisbona, è il decano della nuova scena afroelettronica portoghese.

INFO – freemusicimpulse.com | hybridaspace@gmail.com | www.hybridaspace.org | Facebook

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!