Festival Psicologia (le false credenze) apre a Palmanova

21 Ottobre 2020

PALMANOVA. Al via venerdì 23 ottobre, a partire dalle 18, al Teatro Gustavo Modena di Palmanova il Secondo Festival della Psicologia in Friuli Venezia Giulia, dedicato al tema “Dalle credenze alle scienze psicologiche”. L’evento è organizzato dall’Associazione Psicoattività grazie al contributo della Regione e propone cinque appuntamenti sul territorio regionale, dal 23 ottobre al 20 novembre, che vogliono diffondere la cultura psicologica con strumenti multidisciplinari.

Drive

Il Festival, sotto la direzione scientifica di Claudio Tonzar – psicologo, psicoterapeuta e docente all’Università di Urbino, oltre che Presidente di Psicoattività – affronta in questa seconda edizione il tema “Dalle credenze alle scienze psicologiche” e parte dall’analisi delle tante “credenze fallaci” che accompagnano la nostra vita quotidiana: quelle teorie ingenue radicate nel comune pensiero che sono distanti dalle conoscenze scientifiche cui corrispondono ma che influenzano le scelte delle persone. Il Festival della Psicologia, partendo dalla doppia prospettiva artistica e scientifica, si ripromette di raccontare in modo divulgativo come sia possibile ridurre le discrepanze tra le teorie psicologiche ingenue e le attuali conoscenze scientifiche di settore. Cinque sono le aree tematiche trattate negli altrettanti incontri, che tra scienza, arte e cultura intendono fornire al pubblico riflessioni, competenze, strumenti di conoscenza psicologica.

Dopo l’anteprima a Trieste dello scorso agosto, che ha ufficializzato l’inserimento del palinsesto del Festival della Psicologia nel cartellone di Science in the City Festival, il format di Esof che si impegna a diffondere le scienze attraverso diverse forme di cultura, venerdì 23 ottobre, a Palmanova, il Festival della Psicologia propone, alle 18, un evento dedicato a “Psicologia e traffico. Riflessioni sulla percezione del rischio viario e sulla sicurezza stradale”. Max Dorfer, che insegna Psicologia del Traffico all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, psicologo del traffico ed esperto di valutazione dell’idoneità alla guida, di sicurezza viaria e di efficacia degli interventi preventivi sulla percezione del rischio viario, approfondirà l’argomento delle molte credenze ingenue sulla guida. Le donne sono meno capaci degli uomini alla guida? I conducenti sanno veramente quanto le loro capacità sono alterate prima di guidare? Gli anziani alla guida sono pericolosi per sé e per gli altri?

In verità, più degli airbag e degli altri sistemi di sicurezza di cui è dotato un autoveicolo a determinare la sicurezza della guida è il comportamento dell’individuo. La sicurezza al volante può essere limitata da molti fattori: uso di stupefacenti e alcol, degenerazione cognitiva, distorta percezione del rischio. L’evento richiama a una riflessione su quanto importante sia tener conto delle conoscenze scientifiche maturate nel settore per evitare di sottostimare i rischi e sovrastimare le proprie abilità quando ci si mette alla guida. Di seguito (ore 19.30), è attesa la proiezione del film “Drive” diretto da Nicolas Winding Refn, vincitore del Premio per la migliore regia al Festival di Cannes del 2011. “Drive” racconta di un misterioso meccanico impiegato come stuntman nei pericolosi set hollywoodiani. Adrenalinico pilota nelle simulazioni di incidenti stradali, le sue abilità alla guida vengono prestate anche alla malavita, per sequestri e rapine, aprendo scenari di sofferenza e solitudine. La presentazione del film sarà a cura del dott. Steven Stergar dall’Associazione Examina, collaboratore dell’Associazione Palazzo del Cinema di Gorizia, come consulente per la sezione didattica nella Mediateca Ugo Casiraghi e membro del comitato scientifico dell’Associazione Premio Sergio Amidei.

Il Festival continua il 30 ottobre a Cormons con “Degustare con l’orecchio”, il 6 novembre a Gradisca, con “Aggressività: in noi o nel contesto sociale?”; il 13 novembre a Gorizia con “La memoria umana: registrazione o ricostruzione?”, il 20 novembre a Udine con “Felicità: basta la salute”.

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito. In ottemperanza alle normative vigenti, per partecipare è obbligatoria la prenotazione. Per prenotare è necessario compilare un form online che si trova sul sito, entrando nella pagina del singolo evento; il form va compilato con nome, cognome e contatto, entro le ore 12 del giorno precedente all’evento. Per tutti gli appuntamenti del Festival: coloro che prenotano il posto sono invitati a presentarsi in loco almeno 15 minuti prima dell’inizio dell’evento; in caso contrario non potrà essere garantito il posto riservato con la prenotazione.

Il Festival è realizzato dall’Associazione Psicoattività (Palmanova), con il contributo della Regione, in partnership con l’Università di Trieste, i Comuni di Trieste, Palmanova, Gradisca d’Isonzo, Cormòns, Associazione Progetto Musica (Ud), Teatro degli Asinelli (Ts), Examina (Go), Aetos – Scuola di specializzazione in psicoterapia (Pn), Mongolfiere Tascabili (Villesse) in collaborazione con Science in the City Festival Trieste nell’ambito di Esof 2020, Kulturni Dom di Nova Gorica e Club per l’Unesco di Udine.

INFORMAZIONI
WEB: www.festivaldellapsicologiafvg.it
FB: www.facebook.com/festivaldellapsicologiafvg
VIDEO sui i temi del festival: https://bit.ly/34KpIjp
IG https://www.instagram.com/festivaldellapsicologia/

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!