Festival Arlecchino: Ritual 2.0

27 Settembre 2020

PORDENONE. Prosegue a Pordenone il Festival de L’Arlecchino Errante della Scuola Sperimentale dell’Attore: lunedì 28 e martedì 29 settembre, all’ex Convento di San Francesco in scena la compagnia Mala Teater Mundi di Milano che presenta Ritual 2.0 – la via degli Dei, uno spettacolo onirico e iniziatico che, attraverso azioni simboliche, introduce lo spettatore ad una meditazione sull’inconscio e sul sé inespresso. Orari: lunedì 28 e martedì 29 settembre, repliche ore 19 e 20,30; ingresso contingentato 25 spettatori a replica; prenotazione obbligatoria al n.351 8392425.

Ritual 2.0

Mālā Mundi Teatri è un ensemble di recente costituzione, composto da attori e performer professionisti, che nasce a Milano con lo scopo di indagare il rapporto fra teatro, parola, danza e rito. Una ricerca espressiva di matrice fisica che vuole esplorare la possibilità di un teatro dell’inconscio, archetipico e trasformativo. Tutti i componenti del gruppo hanno alle spalle una formazione accademica attorale e all’attivo diverse collaborazioni con teatri nazionali. Sono inoltre ricercatori nel campo artistico, antropologico, e spirituale. Mālā Mundi allude al rosario buddista, il Mālā appunto, che in modo augurale circonda di pace il mondo.

Lo spettacolo che il gruppo propone quest’anno è stato scelto da “L’Arlecchino Errante” come uno degli esempi virtuosi di un teatro possibile in una situazione impossibile.
Pochi spettatori alla volta guardano verso un tappeto dove gli attori compiono azioni che, nel distanziamento di prammatica, danno l’illusione di un contatto fisico delicato e rispettoso. Queste azioni non seguono una trama in senso tradizionale, ma piuttosto una partitura musicale del corpo. Tuttavia non sono astratte: compongono quadri, immagini, situazioni sensoriali, relazioni tra personaggi seguendo una modalità rituale. Anzi, lo spettacolo, che non a caso si chiama Ritual 2.0, intende espressamente riportare il suo pubblico verso una ritualità perduta, alla ricerca di un contatto benefico con l’inconscio e con le figure archetipo che sono la chiave di lettura dell’esistenza. Un altro vettore dello spettacolo è la volontà di regalare al pubblico momenti di energia ed emozione non ordinari, arrivando a definirsi in qualche modo “iniziatico”, proprio in questa possibilità di portare il pubblico stesso ad intravedere, e forse poi a sviluppare autonomamente, nuove sensibilità, pensieri, meditazioni. Cinquanta minuti di viaggio libero e corroborante, un’esperienza onirica ad occhi aperti; non gratuita però, ma in qualche modo necessaria e molto connessa con l’immaginario collettivo profondo.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!