Farandola propone ai più piccoli Tutto Casa e Musica

2 Maggio 2020

PORDENONE. Tutto Casa e Musica: questa è la nuova proposta a cura della cooperativa Farandola di Pordenone e rivolta a bambini e bambine di ogni età. “In questo momento difficile per tutti, dove diviene sempre più necessario favorire e promuovere gli interessi e il trascorrere del tempo in casa in modo sano – spiega la vicepresidente Valentina Gerometta –, un pensiero particolare va ai più piccoli, a cui dedichiamo già molti progetti speciali, e alla dimensione sociale, sulla quale lavoriamo in rete da diversi anni interagendo con diverse istituzioni del territorio (dalle scuole all’azienda sanitaria, ai servizi sociali)”.

Tutto Casa e Musica rappresenta dunque una nuova azione educativa del già conosciuto “Musicandola” – progetto (unico nel suo genere e nel territorio), che promuove un approccio multidisciplinare teorico e pratico, volto allo sviluppo di iniziative educative, di prevenzione e formative attraverso i linguaggi musicali ed artistici, dove bambini, ragazzi e figure educanti ne sono fruitori e protagonisti – affidato al coordinamento di Luca Fabio Bertolli (psicologo, psicoterapeuta, psicologo scolastico, con una formazione quadriennale post lauream in psicologia della musica e un diploma in musicoterapia, direttore scientifico del Centro Psicologia e Ricerca di Latisana), in un’ottica di lavoro di rete e di comunità ha come finalità la prevenzione primaria, la promozione dell’agio e del benessere, l’inclusione educativa, sociale e scolastica.

Tutto Casa e Musica invita tutti i bambini e le bambine, con il permesso dei loro genitori, a inviare da oggi e fino al 10 giugno alla casella di posta elettronica musicandola@farandola.it un loro disegno, una poesia, un racconto musicale, usando tutta la loro fantasia per raccontare, colorare e descrivere la musica. Tutto il materiale raccolto verrà organizzato, catalogato e messo in mostra nella sede della scuola di musica Farandola. Non solo, l’intento è di riuscire a creare anche una pubblicazione, come ricordo da donare a tutti i partecipanti al termine del progetto. La partecipazione ha solo finalità educative, dunque non è un concorso ed è interamente gratuita. Tutto Casa e Musica è legata ai consueti laboratori “Musica, tamburi e bolle di sapone” già conosciuti in città e in regione e che molti bambini seguono durante l’anno.

“Con questa iniziativa – sottolinea Gerometta – si vuole dare vita a una esperienza che veda i più piccoli non solo ’impegnati’ in queste giornate in casa senza scuola e senza aggregazione con i pari, ma si vuole promuovere il loro protagonismo, dare loro lo spazio di esprimersi e fare del linguaggio musicale un modo per tenere, seppure a distanza, le relazioni. Con questo progetto e con i prossimi a breve presentati, Farandola vuole essere un tramite per la funzione educante e artistica all’interno della rete e della comunità”.

Per richiedere informazioni è possibile contattare il numero di telefono del servizio di coordinamento cell. 340 0062930.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!