Fai – Giornate d’Autunno Alcune visite consigliate

14 Ottobre 2021

Trieste – Orto lapidario e Giardino del capitano (Foto Fai)

I Giovani del Fai, con il supporto di tutte le delegazioni, i Gruppi Fai e i Gruppi Fai Ponte tra culture, propongono per sabato 16 e domenica 17 ottobre la decima edizione delle Giornate d’Autunno con visite in 600 luoghi solitamente inaccessibili o poco noti in 300 città d’Italia tra cui 42 luoghi del Ministero della Difesa, dello Stato Maggiore della Difesa e delle Forze Armate, aperti in occasione del centenario del Milite Ignoto. Oltre 5.000 tra delegati e volontari Fai sono pronti a far innamorare tutti gli italiani dell’Italia. L’opportunità, ogni anno nuova e diversa, per accostarsi a un patrimonio smisurato e policromo, raccontato per l’occasione con l’entusiasmo contagioso di tutti i giovani che sposano la missione culturale del Fai.

Tutti i visitatori potranno sostenere il Fai. È infatti suggerito un contributo non obbligatorio di 3 euro. La donazione online consentirà, a chi lo volesse, di prenotare la propria visita, assicurandosi così l’ingresso nei luoghi aperti dal momento che, per rispettare la sicurezza di tutti, i posti saranno limitati. Chi lo vorrà potrà anche iscriversi al Fai online oppure nelle diverse piazze d’Italia durante l’evento. Agli iscritti saranno dedicate aperture speciali. Le visite si svolgeranno nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19. In base alle disposizioni del D.L. 105 23/07/2021, l’accesso sarà possibile solo alle persone in possesso della certificazione verde Covid-19 (Green Pass). La certificazione verde è richiesta anche per l’ingresso ai luoghi di carattere naturalistico. Per i bambini al di sotto dei 12 anni il Green Pass non è obbligatorio.

L‘elenco dei luoghi in Fvg si trova su https://fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-autunno/i-luoghi-aperti/?regione=FRIULI%20VENEZIA%20GIULIA

Alcuni luoghi consigliati

Ruda – Amideria Chiozza (Foto Maurizio Frisoli)

RUDA
Amideria Chiozza – Visite: sabato 16 e domenica 17, dalle 10 alle 17. Edificata nel 1865 sui resti di un vecchio mulino, l’Amideria ha inaugurato il ciclo chimico-industriale dell’estrazione dell’amido, dapprima dal frumento, poi dal mais e a partire dal 1872 dal riso. Nacque grazie al chimico Luigi Chiozza e alle sue idee rivoluzionarie che coniugavano l’agricoltura e l’industria in un unico filone commerciale.

TRIESTE
Campanile della Cattedrale di San Giusto – Visite: sabato 16 e domenica 17, dalle ore 10 alle 17 – Ingresso riservato agli iscritti Fai. Costruito tra il 1337 e il 1343, il campanile si trova in una posizione dalla quale si può ammirare il golfo di Trieste e godere di una stupenda vista sulla città.
Orto lapidario e Giardino del Capitano – Visite: sabato 16 e domenica 17, dalle ore 10 alle 17. Sul colle di San Giusto sono ospitati, oltre al Museo di Antichità Johann Joachim Winckelmann, l’Orto Lapidario Tergestino e il Giardino del Capitano. Al loro interno si distinguono il cenotafio di Winckelmann, padre della moderna storia dell’arte assassinato a Trieste nel 1768, e i propilei dell’antico tempio d’epoca romana che si trovava sul colle. L’Orto lapidario custodisce epigrafi, monumenti e sculture di epoca romana.

Il Castello di Gradisca

GRADISCA D’ISONZO
Castello – Visite: sabato 16, dalle ore 14 alle 18; domenica 17, dalle ore 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 – Prenotazione obbligatoria. Si potrà salire eccezionalmente fino ai camminamenti sommitali delle mura del Castello di Gradisca, fortezza cinquecentesca che sorge sul margine sud del perimetro murale, a ridosso del fiume Isonzo, e che mantiene pressoché inalterato l’aspetto originario.

CORDOVADO
Palazzo del Capitano – Visite: sabato 16 e domenica 17, dalle ore 9.30 alle 17.30 – Ingresso riservato agli iscritti Fai. Nel Quattrocento venne costruito il palazzo conosciuto come Casa del Capitano o del Gastaldo, che poi prenderà il nome di palazzo Ridolfi, e infine di palazzo Bozza-Marrubini. E‘ eccezionalmente aperto per le Giornate d’Autunno.

Cordovado – Palazzo del Capitano (Foto Giacomo Matarrese)

SPILIMBERGO
Castello – Visite: sabato 16 e domenica 17, dalle ore 10 alle 12.30 e dalle ore 14.30 alle 18. La storia del Castello di Spilimbergo si confonde con quella dei Signori della città, gli Spengenberg, famiglia di nobili di origine carinziana, fedeli all’Impero, tra le più ragguardevoli in Regione e fra quelli presenti nel Parlamento del Friuli, ministeriales del Patriarcato di Aquileia. Facendo leva sul loro potere e prestigio, entrarono spesso in contrasto con il Patriarca e in più di un’occasione complottarono contro di lui.

PALMANOVA
Palazzo del Provveditorato delle Armi – Visite: sabato 16 e domenica 17, dalle ore 10 alle 16 – Prenotazione obbligatoria. Ingresso consentito previa esibizione di un documento di identità in corso di validità. Solitamente chiuso al pubblico perché luogo militare, il Palazzo del Governatore delle Armi, ora Museo Storico delle Armi, costruito nel 1613 come sede del comando militare della piazzaforte da parte della Serenissima Repubblica di Venezia.

Elenco completo dei luoghi aperti in FRIULI VENEZIA GIULIA su https://fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-autunno/i-luoghi-aperti/?regione=FRIULI%20VENEZIA%20GIULIA

Per aggiornamenti e approfondimenti consultare le pagine social del Fai Friuli Venezia Giulia, delle Delegazioni e dei Gruppi Fai locali

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!