Epatiti pediatriche di origine sconosciuta Varie ipotesi

6 Maggio 2022

TRIESTE. Il dottor Fulvio Zorzut di Trieste (già Direttore S.C. Igiene e Sanità Pubblica; Specialista in Igiene e Medicina Preventiva) ci ha inviato una nota relativa alla segnalazione di epatiti pediatriche di origine sconosciuta. Ecco le sue considerazioni.

”Nel Regno Unito sono stati descritti 111 casi di epatite, anche molto gravi, in bambini sotto i 5 anni di età. Va detto con chiarezza che ogni anno in Italia, come negli altri Paesi, si verifica un certo numero di epatiti, in età pediatrica, da cause sconosciute. Le indagini microbiologiche hanno escluso i virus dell’epatite A, B, C, D ed E in tutti i casi. Le ipotesi sulle cause sono varie e per certi aspetti anche poco fondate.

E’ stata avanzata la possibilità che i lockdown, le restrizioni dei contatti interpersonali o l’uso delle mascherine possa aver ridotto la capacità di risposta dei sistemi immunitari dei bambini. La cosa francamente sembra estremamente improbabile, considerando che il Regno Unito, oltretutto, è la nazione che ha adottate le minori misure di contenimento anti Covid. E’ stata, quindi, esclusa una correlazione con il vaccino anti Covid. Questa sembra tanto una ’excusatio non petita‘, francamente sorprendente. Infatti, non si comprende neppure perché sia stata presa in considerazione questa ipotesi, anche perché i bambini interessati da queste epatiti non sono neanche stati vaccinati.

Comunque il vaccino pediatrico Pfizer (a Rna Messaggero) non potrebbe in alcun caso essere causa di epatite virale o altre malattie infettive. Circa il 16% dei bambini erano positivi a Sars-CoV-2, una percentuale molto vicina a quella che si riscontra nelle popolazione pediatrica generale, considerando che molti bimbi hanno avuto l’infezione in assenza di sintomi e quindi non sembra proprio essere significativa come causa. Il Covid 19, per quanto noto attualmente, non causa epatiti.

Ultimo dato, la possibile correlazione con gli Adenovirus F 41, che sono virus respiratori. In Gran Bretagna su 53 dei casi di epatite, 40 erano positivi all’Adenovirus F 41 che è un microrganismo ben conosciuto, responsabile di infezioni respiratorie e gastroenteriche in bambini e negli adolescenti. Nessun Adenovirus conosciuto ha mai causato epatiti. Al momento, nessuna delle teorie formulate sull’origine ha avuto un riscontro attraverso evidenze scientifiche. Inoltre, come accennato, ogni anno si verifica un certo numero di epatiti con causa sconosciuta, e sono in corso analisi per stabilire se ci sia effettivamente un eccesso numerico di casi rispetto al dato normalmente atteso.

La sensazione fondata è che si tratti piuttosto di una allerta sanitaria conseguente a una iper sensibilità dei sistemi di rilevazione realizzati per monitorare la pandemia Covid, per cui vengono raccolti e analizzati tutti i dati, di causa ignota, in ambito sanitario”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!