Endometriosi e alimenti Domani un incontro online

20 Aprile 2021

Annalisa Frassineti

La salute inizia a tavola e gli alimenti che si consumano ogni giorno possono aiutare a prevenire o curare molti disturbi e malattie. Per chi soffre di endometriosi, una patologia cronica, dolorosa, invalidante e poco conosciuta, che colpisce in Italia il 5% delle donne, 3 milioni di casi nei vari stadi clinici, nutrizione e salute sono legate a doppio filo, per questo è importante recuperare uno stile alimentare consapevole. Bisogna diminuire l’assunzione di alimenti che possono favorire l’insorgenza dell’infiammazione e quindi del dolore, quali carni rosse, zuccheri semplici, latticini e, al contrario, incrementare il consumo quotidiano di cereali integrali, legumi, frutta e verdura.

Con il contributo di esperti della nutrizione e grazie ai fondi del 5X1000 l’Ape Odv (Associazione Progetto Endometriosi), un gruppo di donne che si basa sul reciproco sostegno e conforto e continua a fare formazione e informazione per creare consapevolezza, ha realizzato un importante progetto, che sarà presentato mercoledì 21 aprile dalle 21 con una diretta dalla sua pagina Facebook e dal canale Youtube.

Si tratta delle nuovissime Linee Guida per l’Alimentazione, indicazioni utili che spaziano dalla scelta degli alimenti da portare in tavola fino al corretto stile di vita a cui approcciarsi per far progredire più lentamente la malattia, rendere meno dolorosi i sintomi, spesso invalidanti e permettere alle terapie mediche di funzionare meglio. Quali alimenti consumare con moderazione per non acuire i dolori, la dose, la frequenza con cui mangiare alcuni cibi, la ricerca della qualità e dell’origine del cibo su cui interrogarsi, quando si va a fare spesa, quali tipi di sport prediligere.

Sono questi alcuni dei temi che saranno trattati durante la diretta del 21 aprile, a cui parteciperanno, con la Presidente di Ape Annalisa Frassineti, i professionisti che hanno redatto le Linee Guida: la dietista Arianna Rossoni e i biologi-nutrizionisti Beatrice Venturi, Elisa Brighenti, Ferdinando A. Giannone e Martina Scavone.

Le linee guida verranno distribuite in tutti i centri specializzati che aderiranno all’iniziativa e saranno visionabili anche sul sito www.apendometriosi.it

Condividi questo articolo!