E’ urgente tutelare i minori monitorando (finora non molto) l’accesso ai Social

29 Gennaio 2021

Riceviamo e pubblichiamo.

”Desidero plaudire all’iniziativa di Consumerismo, ovvero di Luigi Gabriele e Barbara Puschiasis, circa l’iniziativa di presentare una proposta di legge per la tutela dei minorenni che introduce l’utilizzo dello “spid” per accedere ai social media al fine di prevederne un tanto solo se autorizzati dai genitori. Ancora una volta si pone in evidenza la positività del mondo associativo che interviene, opportunamente, anche colmando lacune del mondo delle istituzioni.

Il dramma della bambina di Palermo morta dopo l’esecuzione di una challenge visionata su Tik Tok non trova parole se non quelle della madre rilasciate in occasione della scelta della donazione degli organi della figlia.

Ma cosa è stato fatto prima di questo tragico evento? E cosa dopo e, soprattutto, cosa si farà? Interroghiamoci sul da farsi e sul non fatto. Tik Tok è operativa dal 2016. Nel 2020, dopo una denuncia di Anonymous, è stata chiesta l’attivazione di una task force europea contro i rischi dei social che, si badi bene, sono tali soprattutto e in primis per i bambini, i ragazzi e i soggetti deboli. Cosa ha prodotto questa task force? Dopo la tragedia di Palermo, ribadisco, solo dopo, il Garante per la privacy ha disposto il blocco dell’uso dei dati degli utenti per i quali non sia stata accertata l’età anagrafica. Giustissimo, ma, per Palermo il provvedimento giunge tardivo.

Mi domando, inoltre, cosa ha fato e cosa sta facendo in proposito un’altra Autorità, quella per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) in seno alla quale opera anche il Consiglio nazionale degli utenti (Cnu)? E il Comitato regionale per le comunicazioni siciliano, e tutti gli altri in tutte le altre Regioni, cosa fanno? Ovviamente mi riferisco alla competenza della tutela dei minorenni in rete.

Al Dipartimento (ex-Ministero) delle Comunicazioni vi è un Comitato Media e minori figlio del Comitato Tv e Minori che ha unificato quest’ultimo Comitato a quello Internet e minori. Ebbene io non sento da tempo, troppo tempo, iniziative valide promosse sul fronte della prevenzione a favore di bambini e ragazzi rispetto ai media ideate da questa istituzione.

Anni fa fu l’allora presidente del consiglio Romano Prodi a volere il Comitato Tv e minori, poi il ministro delle comunicazioni Maurizio Gasparri dette forte impulso a questo tema e, infine, il ministro Paolo Gentiloni se ne occupò unificando le competenze. Ma dopo? Il Ministero è stato accorpato ad altro dicastero ed è divenuto un Dipartimento e le attività si sono allontanate dal “radar” dell’attenzione mediatica, politica e sociale salvo in occasione di drammi come quello recente della bambina palermitana per poi spegnersi piuttosto rapidamente e rientrare nelle nebbie. Anche a livello parlamentare vi sono commissioni che si occupano, o meglio dovrebbero occuparsi, di questi delicati temi.

La proposta di Consumerismo è corretta e mi auguro tanto possa essere sottoscritta da parlamentari di tutti gli schieramenti. Va, poi, aggiunto che occorre dare seguito e applicare leggi, codici e regolamenti vigenti per tutelare i minorenni rispetto ai media, tutti i media, ma, spesso non lo si fa né a livello di istituzioni né di famiglie. È oggi già possibile bloccare i social (e altri media) che non tutelano bambini e ragazzi. Lo si faccia senza indugi per evitare che possano riaccadere eventi drammatici come quello di Palermo al quale occorreva, peraltro, forse, evitare di dare troppo clamore ben consapevoli che esiste anche un effetto emulazione, il tutto, ci mancherebbe, nel rispetto totale della libertà di stampa costituzionalmente riconosciuta. Nessuna censura, quindi, a nessun livello, ma il blocco dei contenuti nocivi e pericolosi per i minorenni”.

Daniele Damele

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!