Dušan Jelinčič con I fantasmi di Trieste al Club Kristalia

4 Febbraio 2019

PRATA. Grazie alla collaborazione con Bottega Errante Edizioni e con Libreria Quo Vadis, si svolgerà mercoledì 6 febbraio alle 21 al Club Kristalia di Prata l’incontro con uno degli scrittori sloveni contemporanei più amati da pubblico e critica: stiamo parlando di Dušan Jelinčič, che nello spazio culturale dell’azienda pordenonese presenterà al pubblico il suo I fantasmi di Trieste (Bottega Errante Edizioni).

Città di confine che affascina da sempre, Trieste è “il luogo dei luoghi”, dove le paure del passato, la non accettazione del presente e il sospetto del futuro si mescolano. Trieste è un luogo dall’identità non univocamente definita: “E’ un luogo concreto con tante anime, tanti problemi irrisolti, ferite ancora aperte, oscuri sensi di colpa e tradimenti ancestrali”. Il giornalista e alpinista Dušan Jelinčič della sua città, Trieste, conosce molto a tal punto da farla protagonista di racconti che trovano la loro ambientazione tra Città vecchia, i rioni di San Giacomo, San Giovanni e San Giusto, e che sono popolati da personaggi realmente esistiti come quel Diego de Henriquez che bruciò in una bara nel suo magazzino con i suoi segreti, Franco Basaglia, il boia nazista Odilo Globočnik, James Joyce e Julius Kugy. Ma perché i fantasmi triestini sono gentili? Perché li salva la loro allegra superficialità e il non pensare al domani, “perché l’oggi basta e avanza”.

L’autore Dušan Jelinčič dialogherà col pubblico a partire dalle 21 al Club Kristalia. L’incontro è a ingresso libero ed è suggerita la prenotazione.

Dušan Jelinčič, laureato in storia e lettere moderne, è uno degli scrittori sloveni contemporanei più autorevoli e apprezzati. Come giornalista caposervizio della sede Rai di Trieste ha firmato importanti servizi per le testate nazionali; come alpinista ha scalato nel 1986, primo in Friuli Venezia Giulia, un ottomila himalayano, il Broad Peak. Nel 1990 ha salito l’Everest e nel 2003 ha conquistato l’ottomila Gasherbrum II. Con i suoi oltre venti libri, tra cui spiccano soprattutto romanzi e racconti, ma anche saggi e pièce teatrali, ha creato una produzione letteraria vasta e variegata.

Insieme al centenario Boris Pahor è lo scrittore sloveno più tradotto in italiano; il suo Le notti stellate è il titolo più premiato della letteratura slovena; il romanzo Dove va il vento quando non soffia è stato ripubblicato nell’estate del 2016 come allegato settimanale dei quotidiani “Corriere della Sera” e “La Gazzetta dello Sport”, mentre il suo ultimo libro Quella soffitta in Cittavecchia è un romanzo tutto triestino. I libri di Jelinčič sono stati tradotti anche in tedesco, francese e serbo-croato.

Club Kristalia, via Durante 28, Prata di Pordenone (Pn). Contatti: Manuel Da Ros, info@clubkristalia.it, T. 3316508510.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!