Due incontri a Porcia per capire e battere il bullismo

24 Ottobre 2017

Carlo Carzan

PORCIA. Il bullismo, nel mondo reale come in quello virtuale, è un tema delicato e di grande attualità e per comprenderlo e affrontarlo è necessario acquisire gli strumenti migliori. A questo proposito l’Amministrazione Comunale di Porcia, nell’ambito delle Giornate della Trasparenza dedicate alla scuola, propone l’evento “Benessere per prevenire il bullismo”: una giornata intera, giovedì 26 ottobre, dedicata agli studenti, ai genitori, agli insegnanti e agli educatori che, attraverso i libri e gli autori, vuole esplorare temi importanti per la formazione e il benessere dei ragazzi, partendo da bullismo, cyberbullismo e dall’utilizzo corretto delle nuove tecnologie. Due sono gli incontri con gli autori in programma, nella giornata promossa dal Comune, in particolare dall’Assessore alla Politiche culturali e Istruzione, Roberto Calabretto, e dal Consiglio Comunale Ragazzi di Porcia e realizzata in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Jacopo di Porcia e Fondazione Pordenonelegge.it: un evento nella mattinata scolastica per i ragazzi e un incontro serale per adulti.

Al mattino dalle 9.50, all’Auditorium Scuola media “G.Zanella”, i ragazzi delle classi quinte della scuola primaria e delle prime classi della scuola secondaria di I grado incontreranno Carlo Carzan che, in una speciale “conferenza ludica” dal titolo “Allenamente per mettere i cyberbulli al tappeto!”, parlerà di cyberbullismo, di legalità, di educazione al web e ai social network. Tra reale e virtuale, tanti suggerimenti e strumenti utili ai più giovani per utilizzare al meglio le nuove tecnologie. Le possibilità e gli straordinari utilizzi che il mondo del web può offrire sono moltissimi. Ma è necessario conoscere, capire e prevenire danni e rischi.

Anna Oliverio Ferraris

Alle ore 20.45, all’Auditorium R. Diemoz, un incontro speciale con la nota psicoterapeuta Anna Oliverio Ferraris, dedicato ai genitori, agli insegnanti, agli educatori e a tutti gli interessati. Da sempre attenta e sensibile studiosa del tema, Anna Oliverio Ferraris esamina il bullismo giovanile in tutti i suoi aspetti: origini e cause delle violenze, dinamiche individuali e di gruppo, reazioni e sentimenti di aggressori e vittime, pericoli e trappole on line, interventi e misure di prevenzione. Nel suo ultimo libro “Piccoli bulli e cyberbulli crescono. Come impedire che la violenza rovini la vita ai nostri figli” (BUR, 2017), spiegando come interpretare i messaggi nascosti dietro i comportamenti dei nostri figli, Oliverio Ferraris aiuta ad affrontare i casi di violenza e aggressività in cui bambini e adolescenti possono trovarsi coinvolti. Per capire e trovare soluzioni, per imparare a farsi ascoltare e intervenire nel modo più efficace.

L’appuntamento è a ingresso libero fino a esaurimento posti. Info Fondazione Pordenonelegge.it: fondazione@pordenonelegge.it – tel. 0434.1573100.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!