Due film provocatori in attesa di Voci dell’inchiesta

14 Marzo 2018

Boiling Point

PORDENONE. Giovedì 15 marzo a Cinemazero l’appuntamento con Aspettando Le Voci dell’Inchiesta si sdoppia: alle 20.45 l’unica occasione per vedere Boiling Point di Elina Hirvonen, uno dei titoli proposti in collaborazione con Mondovisioni – I documentari di Internazionale, un inquietante ritratto dell’Europa contemporanea che cerca un terreno comune tra gruppi di opinioni opposte. Alle 18.30 l’ultimo irriverente documentario del meraviglioso quanto curioso duo formato dalla mitica Agnés Varda e dall’artista JR: Visages Villages, che sarà poi in programmazione tutta la settimana (info e orari www.cinemazero.it).

Boiling Point parte da una sauna in cui si ritrovano Oula e Tapio, ogni venerdì a Helsinki. Oula è uno storico quarantenne specializzato nel fascismo in Finlandia e in Europa, Tapio un imprenditore settantenne preoccupato che richiedenti asilo, ISIS e politica di sinistra rovinino il suo paese. Disuguaglianza, mancanza di visione, paura e rabbia verso gli immigrati stanno crescendo ovunque in Europa, anche in Finlandia, stretta nella comune morsa di inquietudine e opportunismo di demagoghi populisti che questo lavoro sa mostrare senza filtri.

Visages Villages

Visages Villages invece vede la regista premio Oscar Agnés Varda partire per un viaggio insieme all’artista JR per andare incontro alla vita, a nuovi incontri, realizzando un documentario originalissimo in cui lo spirito eternamente bambino di questa splendida quasi novantenne trova nel brio del giovane JR un’azzeccatissima sponda.

Ricordiamo che è possibile abbonarsi subito al festival ed è doppiamente conveniente (tipologie disponibili: base: 40 euro; base con CinemazeroCard: 30 euro; abbonamento sostenitore quota minima 70 Euro). Ci si garantisce infatti sia la possibilità di entrare gratis a tutte le proiezioni dell’edizione, che di godere del prezzo speciale a 4 euro per gli appuntamenti di Aspettando Le Voci dell’Inchiesta. Per informazioni chiamare lo 0434.520404 o scrivere a inchiesta@cinemazero.it

Condividi questo articolo!