Due concerti del Trio Chagall

3 Agosto 2021

Trio Chagall

TRIESTE. Prosegue con due tappe nel cuore dell’estate 2021 la Stagione Cameristica Chamber Music 2021, diretta dalla pianista e musicologa Fedra Florit, quest’anno sul filo rosso dei “Contrappunti”. Mercoledì 4 agosto appuntamento al Castello di San Giusto dalle 21, nell’ambito del cartellone TriesteEstate. Protagonisti saranno i giovani e talentuosi musicisti del Trio Chagall di Torino, al secolo Edoardo Grieco violino, Francesco Massimino violoncello e Lorenzo Vinh Nguyen Ba pianoforte. ‘Enfant prodige’ del camerismo internazionale, sono reduci dall’affermazione al Premio Trio di Trieste 2019 e con i loro concerti incantano il pubblico in Italia e all’estero. Il programma prevede l’esecuzione di due grandi Trio, due partiture che sono veri capisaldi della ispirazione cameristica: il Trio op.70 n.1 “Spettri“ di Beethoven e il Trio giovanile op.8.di Shostakovich.

Info acmtrioditrieste.it ingresso 5 € al TicketPoint e sul posto.

La sera successiva, giovedì 5 agosto alle 21, i musicisti del Trio Chagall suoneranno a Pirano nella suggestiva cornice del Chiostro dei Frati Minoriti, con il medesimo programma nell’ambito della rassegna musicale estiva. Composto nel 1808, anno di straordinaria fertilità per Beethoven, il Trio n. 1, di soli tre movimenti, è parte di un distico dedicato dal compositore all’amica contessa Anne Marie Erdòdy.. La dicitura «Trio degli spinti» deriva dall’atmosfera “demoniaca” da cui sarebbe animato, soprattutto nel secondo movimento: il suo tema è il medesimo appuntato da Beethoven per un coro di streghe da inserire in un «Macbeth» su testo di Collin, mai portato a termine. Il Trio giovanile op. 8 di Shostakovich 8 per violino, violoncello e pianoforte venne composto nel 1923. Strutturato in un solo movimento, presenta una continua alternanza di sezioni, in andamento sinusoidale. Cuore emotivo della composizione è il tema di ninna nanna esposto dal violoncello sopra i delicati accordi del pianoforte: lo stesso tema viene poi ripreso dal violino. La sezione conclusiva è scandita da un crescendo emotivo che culmina nella perorazione del tema di ninna nanna, esposto dai tre strumenti.

Condividi questo articolo!