Doppio concerto Polinote tra Shakespeare e Cervantes

2 Agosto 2020

Laura Manzon

Gianpaolo Rinaldi

Flavio Zanuttini

Jacopo Zanette (Foto Paolo Terlizzi)

Nevio Zaninotto

Josué Gutiérrez

PORDENONE. Dopo l’avvio con l’omaggio a Coltrane di Francesco Bearzatti (jazzista internazionale e anche direttore artistico della rassegna ) in trio col pianista francese Benjamin Moussay e il pordenonese Luca Colussi alla batteria, introdotti dal contrabbasso solo di Matteo Mosolo, musicista solido e versatile, lunedì 3 agosto alle 18 e alle 21 nel Convento di San Francesco (ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria su www.mic.polinote.it) Polinote Musica in città presenta in prima assoluta la produzione originale realizzata appositamente per il festival “Shakespeare e Cervantes”, con Carla Manzon voce recitante e Josué Gutiérrez chitarra classica: un viaggio letterario e musicale tra follie amorose e mulini a vento, sulle tracce dei grandi maestri del Secolo d’Oro.

Lo spettacolo si dipana tra le scene del capolavoro di Miguel Cervantes e alcuni passi scelti del suo celebre contemporaneo William Shakespeare. Le letture saranno intervallate con le suggestive musiche che i compositori della loro epoca scrissero per i più bei strumenti a corda pizzicata del tardo Rinascimento: il liuto, la vihuela e la chitarra spagnola. Martedì 4 agosto la rassegna torna alla musica pura sempre nella formula del doppio spettacolo alle 18 e alle 21 con il progetto “Nickel Kosmo” di Flavio Zanuttini tromba, gong, effetti e Zaninotto Zanette Rinaldi Trio. “Nickel Kosmo” indaga la relazione acustica che si stabilisce tra le leghe metalliche degli strumenti usati: bronzo e ottone vibrano e si stimolano a vicenda. Le risonanze e i battimenti diventano i nuovi parametri musicali di un universo musicale inedito.

Zanuttini è un musicista estremamente versatile costantemente alla ricerca di un suono e una poetica personali. Nominato tra i migliori trombettisti d’Italia secondo la rivista Musica Jazz nel 2011, il suo suono e il suo approccio sono unici e si possono riconoscere in tutti i contesti dov’è impegnato, che variano dalla lead trumpet in grossi ensemble al solista improvvisatore in gruppi più piccoli. Nevio Zaninotto sax, Jacopo Zanette batteria, Gianpaolo Rinaldi organo Hammond (trio che esprime eclettismo timbrico e versatilità) propongono grandi autori che hanno dato linfa vitale al mondo del jazz nonché composizioni originali, frutto della penna di ognuno, in una grande varietà stilistica.

Condividi questo articolo!