Dopo il grande successo dell’Intervista, Arlecchino propone il teatro russo

11 Settembre 2018

PORDENONE. Dal cuore della Siberia, dalla città di Irkutsk “gemellata” sotto il segno dell’arte con Pordenone, arriva una delle opere più toccanti di Alexandr Vampilov, considerato il Cechov siberiano del secondo Novecento. La compagnia teatrale russa che ne porta il nome, per la regia di Viktor Tokarev, proporrà in lingua italiana lo spettacolo Correvamo via dal Tramonto, a Pordenone mercoledì 12 settembre alle 21 nella chiesa dell’ex convento di San Francesco e a Tolmezzo venerdì 14 settembre al teatro Candoni alle 21 (questa replica in collaborazione con Comune di Tolmezzo e Cooperativa Arteventi Udine).

Vampilov si rivolge alla nostra anima, alla nostra coscienza intima con ogni singola parola. Parla d’amore, di destino, di meraviglia del mondo, di forza delle emozioni. E lo fa con un talento drammaturgico straordinario, un senso del teatro assolutamente contemporaneo. Si tratta del primo degli spettacoli russi presenti quest’anno in esclusiva italiana a “L’Arlecchino Errante”, il festival della Scuola Sperimentale dell’Attore che dedica la commedia dell’arte al teatro contemporaneo con una programma speciale dedicato alla Russia tra Pordenone, Udine e altre località del Friuli Venezia Giulia fino al 2 ottobre. Quest’anno il festival è stato scelto dal Ministero della Cultura Russo quale partner per il progetto “Le stagioni russe in Italia” e gode pure del patrocinio dell’Ambasciata della Federazione Russa di Roma.

Uno spettacolo leggero, anzi soave. Un affresco corale, che parla con delicatezza di un tema delicato, il primo amore. Un testo bellissimo, infarcito di splendide canzoni dal vivo… Non solo: la compagnia sarà inoltre protagonista giovedì 13 settembre alle 18.30 nel chiostro dell’ex convento di San Francesco a Pordenone (in caso di pioggia in saletta incontri) di un incontro aperitivo su Stato e privato, vita economica di un teatro di cultura. Calendario completo sul sito www.arlecchinoerrante.com mentre interessanti approfondimenti si trovano sul nuovo blog arlecchinoerrante.blogspot.com e sugli spazi social del festival.

L’apertura del festival, affidata come da tradizione, all’Intervista al Sindaco da parte di Arlecchino è stata un successo di pubblico come da tempo non si registrava. Tutto ciò è stato reso possibile anche da due eccellenze artistiche del Friuli occidentale protagoniste al festival de L’Arlecchino Errante. Gli organizzatori desiderano infatti ringraziare i musicisti della Filarmonica Città di Pordenone diretta da Didier Ortolan e le ballerine della Scuola di Danza Isadora diretta da Manuela Del Piero che, in occasione della tradizionale intervista tra Claudia Contin Arlecchino e il sindaco di Pordenone Alessandro Ciriani sotto la loggia del Municipio, hanno dato vita a un’emozionante rappresentazione di alcuni dei passaggi più noti dell’immortale Schiaccianoci di Pjotr Il’ic Ciajkowskij. Una performance apprezzata dal numeroso pubblico presente (si è trattata di una delle interviste più partecipate di sempre) e dagli attori russi della compagnia Alexandr Vampilov di Irkutsk, guidati dal regista Viktor Tokarev, che andranno in scena proprio domani.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!