Donna dell’anno 2020: due del Fvg tra le 15 finaliste

25 Novembre 2020

Silvia Bonizzoni

TREVISO. Centinaia le candidature alla terza edizione del premio “Donna dell’anno 2020”, il concorso ideato dall’associazione trevigiana Innovation Future School, che promuove, incentiva e sostiene personalità femminili che si distinguono per iniziative di forte impatto socio-economico. La giuria ha selezionato una rosa di 15 finaliste che arrivano da tutt’Italia, tra queste le friulane Silvia Bonizzoni e Simona Dell’Utri.

“Il Premio Donna dell’anno” è un’iniziativa organizzata con il supporto di VolksBank e con la collaborazione delle principali realtà impegnate nella valorizzazione e sostegno in tutti i suoi ambiti del mondo femminile: la Consigliera Regionale di Parità del Veneto, la Consigliera di Parità per la provincia di Treviso, Lei – Center for Women’s Leadership dell’Università Ca’ Foscari Venezia, il Gruppo Donne Imprenditrici di Fipe (Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi), il Moica – Movimento Italiano Casalinghe, Aidda – Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti D’Azienda e l’associazione Rete Al Femminile di Treviso.

Le 15 finaliste del premio accuratamente selezionate dalla giuria di esperti arrivano da tutta Italia, da Nord a Sud, hanno esperienze di vita e professionali tra le più varie, dall’architetto alla regista, dall’artista alla sociologa, dall’insegnante fino alla ricercatrice e l’imprenditrice, solo per citarne alcune. Tanti volti e tante storie, e soprattutto grandi idee che sono diventate azioni concrete. Alla prima classificata andrà un premio in denaro di 700 euro da destinare a sostegno della causa o iniziativa per la quale è stato riconosciuto il premio. A discrezione del Comitato Scientifico potranno essere inoltre assegnati riconoscimenti speciali alle finaliste ritenute particolarmente meritevoli. Il premio sarà consegnato nella cerimonia in diretta Facebook sabato 12 dicembre dalle 11 alle 13.

Simona Dell’Utri

Simona Dell’Utri, udinese, si definisce una sognatrice concreta, guarda al futuro attraverso gli occhi dei giovani e questo permette di non avere età. Dopo esperienze entusiasmanti nel trasformare le idee degli altri in progetti concreti, nel 2018 fonda BeValory, una start-up innovativa a vocazione sociale attiva nel settore della new technology per dare voce al suo sogno “valorizzare i sogni delle nuove generazioni”.

Silvia Bonizzoni, di Pordenone, ha una Laurea in Scienze Ambientali e un Master in Biologia Marina. Da vent’anni svolge ricerche sui delfini del Mediterraneo. E’ ricercatrice di OceanCare e direttrice esecutiva di Dolphin Biology and Conservation. Attualmente studia i delfini al largo delle coste del Veneto a bordo di una piccola imbarcazione.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!