Direttore e interpreti da gran finale per Udine Castello

26 Ottobre 2019

Woods e Sello

UDINE. Gran finale per il Festival Udine Castello, che per l’occasione si trasferisce nella Chiesa di San Pietro Martire di Udine. Domenica 27 ottobre, alle 17 con ingresso libero, gli Amici della Musica affidano la bacchetta al blasonato direttore australiano Michael Woods, che condurrà la doppia formazione “Donatello Ensemble e Naonis Ensemble” e i solisti Maria Safariants (violino), Luisa Sello (flauto) e Lucija Kovacevic (flauto). In programma, “Irish tune from County Derry” di Grainger, “Il Cardellino” di Vivaldi, “L’incantesimo della Luna Nuova’” di Sivilotti, la “Ciaccona” per violino e archi di Vitali, due estratti da “Il flauto magico” Mozart e finale ancora con un’altra perla di Vivaldi: il Concerto in do maggiore per 2 flauti e archi (Allegro, Andante, Presto).

Michael Woods è attivo sia nel campo sinfonico sia in quello lirico, dirigendo anche produzioni liriche tra cui La Rondine e Tosca di Puccini, e Otello di Verdi per la Melbourne City Opera. In Europa ha diretto più volte la Staatsorchestra, la Leipzig Gewandhaus, la Berlin Philharmonie, la Filarmonica di Zagabria e diverse orchestre filarmoniche in Romania. Ha diretto lavori corali con l’English Chamber Choir e la Belmont Ensemble a St Martin-in-the-Fields. I suoi lavori discografici includono le quattro Sinfonie di Schumann con la Philharmonia Orchestra di Londra.

Maria Safariants

Il Donatello Ensemble abbina personali doti solistiche all’esperienza cameristica. I musicisti sono stati scelti, accanto al talento musicale, per capacità comunicative ed espressive carismatiche basate su un naturale, giocoso ed empatico modo di porsi al pubblico. Il debutto è avvenuto a Vienna nel 2013, a cui sono seguiti concerti a Bratislava per l’apertura del Festival La dolce Vitaj 2015, a Roma in Piazza Navona, all’Expo di Milano 2015, e in diversi centri della Mitteleuropa.

Lucija Kovacevic

Il Naonis Ensemble è stato fondato dal maestro Beniamino Gavasso ed è composto da musicisti dell’Accademia Musicale Naonis di Pordenone, che da sempre presta particolare attenzione ai giovani artisti. L’intento è di potenziare i legami con i professionisti e le realtà presenti nel territorio regionale in connubio con il più esteso panorama musicale nazionale e internazionale, creando rete e facendo tesoro dell’attitudine ad essere ponte fra culture, per infondere quelle emozioni che solo l’arte può suscitare.

Il Festival Udine Castello, è realizzato con il sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali, Regione Fvg, PromoTurismo, Comune di Udine, Fondazione Friuli, Fondazione Renati e Club Unesco Fvg. A supportare il concerto conclusivo, il Trieste Airport e la Cciaa di Pordenone e Udine.

Condividi questo articolo!