Debutta venerdì l’Orchestra da camera Fadiesis

26 Ottobre 2017

Cesare Chiacchiaretta

PORDENONE. Fine settimana particolarmente intenso per il Fadiesis Accordion Festival. Venerdì 27 ottobre alle 20.45 debutta ufficialmente l’Orchestra da Camera Fadiesis, solista Cesare Chiacchiaretta, tra i massimi interpreti del bandoneón: premiato nei più importanti concorsi nazionali ed internazionali, ha tenuto oltre 1.000 concerti in 35 Paesi al mondo, ha suonando da solista con importanti orchestre, è stato diretto da Riccardo Muti, nel 2011 ha vinto il Premio Astor Piazzolla per la divulgazione dell’opera del grande maestro argentino. Il programma del concerto vedrà una struggente vena di vibrazioni sudamericane (con i brani più intensi e magici di Astor Piazzolla) insinuarsi in un’avvolgente atmosfera classica (Vivaldi, Britten, Tchaikovsky). Durante la serata a ingresso libero, verranno raccolte offerte a favore della Lega Italiana Fibrosi Cistica.

Marco Gemelli

L’Orchestra da Camera Fadiesis si compone di importanti solisti che vantano collaborazioni con orchestre italiane di prestigio (I Solisti Veneti, I Virtuosi Italiani, Teatro La Fenice di Venezia) e di giovani talenti in ascesa, ed è il frutto di un ricco patrimonio di relazioni professionali maturate negli anni. Il suo organico non è fisso, ma variabile per numero e combinazioni strumentali per rispondere al meglio ai diversi programmi e ambiti. Punti di forza dell’Orchestra da Camera Fadiesis sono gli alti profili professionali dei concertisti, il loro consolidato affiatamento e, soprattutto, il piacere di lavorare insieme con la volontà di esplorare e proporre repertori musicali che spaziano dal periodo barocco a quello contemporaneo comprendendo anche le grandi colonne sonore. Questo primo concerto dà il via a una stagione specifica, che vedrà l’Orchestra esibirsi a Pordenone ogni ultimo venerdì del mese.

Nel frattempo il Festival proseguirà sabato 28 ottobre alle 20.45 nell’Abbazia Benedettina di Santa Maria in Silvis di Sesto al Reghena, con Mantice Sonoro per una esecuzione del Requiem di Mozart nella particolarissima versione per due fisarmoniche e coro. Alle due fisarmoniche Cesare Chiacchiaretta e Marco Gemelli, (Primo Premio Assoluto in numerosi Concorsi Nazionali e Internazionali; concertista sia in qualità di fisarmonicista che di bandoneonista nei più importanti Festival Nazionali e Internazionali. A dirigere il coro Santa Cecilia, nato in seno all’omonimo Istituto Musicale di Portogruaro e preparato dalla maestra di coro e mezzosoprano-alto, Laura Rizzetto, sarà Giuliano Fracasso, già maestro del coro del Teatro La Fenice di Venezia e del Teatro Comunale di Treviso, con all’attivo collaborazioni con grandi direttori quali Maag, Severini, Gelmetti, Inbal.

Etnoploč Trio

Domenica 29 ottobre il Festival torna a Pordenone, nel Convento di San Francesco alle 18, con l’Etnoploc trio, per un viaggio sonoro dalle sonorità balcaniche al klezmer, in un caleidoscopio di sconfinamenti musicali. Alexander Ipavec, fisarmonica, Piero Purini, sax e Matej Špacapan, tromba, sono un trio di artisti di spessore internazionale attivo nel territorio di confine italo-sloveno, che annulla i confini nazionali, politici, culturali, spirituali e artistici. La loro fusione di musiche etniche è una coinvolgente “pozzanghera” (in triestino “ploc”) di note e di colori, dove si specchia lo spirito di una terra, da sempre cerniera tra oriente e occidente: tra sonorità dei Balcani, klezmer, blues, jazz, tango e molto altro in un’unica emozione. Etnoploč trio ha partecipato a numerosi festival e rassegne in tutta Europa.

Condividi questo articolo!