Da domenica cominciano le uscite in laguna da Marano

12 Settembre 2020

MARANO LAGUNARE. D’autunno la laguna della Bassa Friulana indossa il suo abito migliore: regala colori e paesaggi mozzafiato e offre un habitat ideale per gli uccelli migratori, che dall’Europa settentrionale si spostano verso sud. Nei paesi nordici comincia a fare freddo, la neve ricopre le pianure e il vento gelido proveniente dal Polo sferza costante sulle coste: perciò migliaia di uccelli decidono di partire, guidati dalla loro bussola interna per raggiungere il Mediterraneo. La laguna di Marano è uno dei primi punti di sosta che i volatili incontrano dopo la faticosa traversata continentale: ad accoglierli temperature più miti e atmosfere suggestive, che rendono i mesi autunnali un periodo perfetto per addentrarsi nel misterioso intrico di canali e rii, di acque dolci e salate, di canneti e casoni che costituiscono l’essenza dell’ambiente acquatico che circonda la vivace cittadina di Marano Lagunare. Le barene diventano rosse, il canneto raggiunge la sua massima altezza, pronto a nascondere i migratori stremati dal loro lungo volo. Sarà la casa dei nuovi arrivati e, in primavera, la culla dei nuovi nati.

Uccelli in laguna (Foto Glauco Vicario)

Per sei domeniche successive, dal 13 settembre al 18 ottobre, con il Battello Santa Maria si potrà ammirare questo spettacolo naturale. Si partirà a bordo della motonave alle 16.15 da Marano in Piazza Cristoforo Colombo (dalla Vecchia pescheria), per navigare alla volta della Litoranea Veneta, lambendo i confini della riserva naturale “Foci dello Stella”. Si potranno così osservare da vicino i casoni, le antiche abitazioni dei pescatori di Marano e, guidati dagli esperti, scoprire i numerosi volatili che popolano l’ambiente lagunare in questa stagione di migrazioni. Durante il tragitto verrà servito a bordo un aperitivo di benvenuto con tartine e prosecco. Il rientro a Marano, sempre navigando fra i canali della laguna, accompagnati dai racconti della guida e da canti della tradizione marinara, è previsto per le 18. L’iniziativa è rivolta ai fotografi naturalistici, agli amanti della natura, e soprattutto alle famiglie con bambini.

A condurre la motonave, il Battello Santa Maria, è il capitano maranese Nico Pavan, che non mancherà d’intrattenere i visitatori con i suoi racconti di terra e di mare. Il costo dell’iniziativa è di 15 euro per gli adulti e 7 euro per i ragazzini da 6 a 12 anni, mentre i bimbi di età inferiore ai sei anni non pagano nulla. La crociera si svolge nel rispetto della normativa anti-Covid-19: è obbligatoria la prenotazione (telefonando a Nico al 3396330288 oppure scrivendo a info@battello santamaria.it o su Facebook nel gruppo Battello Santa Maria).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!