Convegno online venerdì sulle Lotis dal Cormor

25 Novembre 2020

UDINE. Continuano le iniziative volte a ricordare e a celebrare il settantennale delle Lotte del Cormôr, il grande sciopero alla rovescia che per più due mesi infiammò la Bassa Friulana tra la primavera e l’estate del 1950. Venerdì 27 novembre, con inizio alle 17.30, in diretta sulla pagina Facebook Lotte del Cormôr (https://www.facebook.com/lottedelcormor) avrà luogo il convegno dal titolo “Le Lotte del Cormôr, un garbato sciopero alla rovescia”. Durante l’incontro, promosso dal Dipartimento di Studi umanistici del patrimonio culturale (Dium) dell’Università di Udine e dall’Istituto friulano per la storia del movimento di liberazione (Ifsml), si presenteranno fatti, protagonisti, contesto storico e sociale, fonti e documenti riguardanti le Lotte del Cormôr o a esse a diverso titolo collegati.

Il convegno sarà inaugurato dalla presentazione del sito web www.lottedelcormor.eu – un portale interamente bilingue friulano/italiano, in cui è stata raccolta tutta la documentazione inerente la storia dello sciopero, tra cui un archivio fotografico, una raccolta degli articoli dedicati a quei fatti dalla stampa dell’epoca e una sezione con le storie individuali dei protagonisti, accompagnate dalle loro foto e talvolta anche dalle loro testimonianze da ascoltare e da vedere – a opera della sua curatrice, Caterina Vignaduzzo, presidente della Sezione Anpi “Premoli” e grafica all’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Seguiranno i contributi di Paolo Gaspari, autore di diversi studi dedicati proprio alle lotte del Cormôr, che punterà la sua attenzione su quei fatti, su quel contesto e sulla loro ricostruzione storica utilizzando le fonti orali; di Gian Luigi Bettoli, presidente di Legacoopsociali regionale e autore di studi sulla storia del movimento operaio e sul sindacato, dal titolo Keynes in Italy: il Piano del Lavoro della Cgil e gli scioperi a rovescio in Friuli e Veneto orientale, e di Giuseppe Mariuz, scrittore e saggista, che si concentrerà sulle figure di alcuni protagonisti delle lotte del Cormôr come Franco Graziutti, Guido Nadalutti e Angelo Galante.

Nella sessione conclusiva Marco Stolfo, dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell’unità europea e assegnista in Storia delle Dottrine politiche all’Università di Udine, parlerà di Cormôr d’Europa, proponendo specifiche connessioni, affinità e divergenze tra le Lotte dal Cormôr e altre esperienze di mobilitazione popolare in qualche modo a esse comparabili, dall’Italia all’Occitania, dal Paese Basco al Galles, dalla Sardegna alla Catalogna, mentre la direttrice dell’Ifsml, Monica Emmanuelli, autrice di diversi saggi di argomento archivistico e storico, illustrerà i contenuti dei documenti riguardanti le Lotte del Cormôr, presenti nell’archivio di Mario Lizzero. Il convegno è affidato al coordinamento di Andrea Zannini, professore ordinario di Storia moderna e direttore del Dium dell’Università di Udine.

Il convegno “Le Lotte del Cormôr, un garbato sciopero alla rovescia”, come la serie di radiodocumentari di Renato Rinaldi con lo stesso titolo, trasmesso a inizio novembre su Rai Radio 3 (e disponibile in podcast sul relativo sito web: www.raiplayradio.it/radio3/) e il portale www.lottedelcormor.eu, rientrano nel programma di iniziative finalizzate proprio a fare “memoria viva” su quella che è una delle pagine più significative della storia del Friuli del Novecento e contestualmente a riflettere sull’attualità e sul futuro, con riferimento a diritti, sviluppo, coesione sociale e identità, in cui si colloca la pubblicazione, entro fine 2020, di un booklet con cd, in cui diversi artisti friulani rileggono con parole e suoni le Lotte del Cormôr.

L’intero cartellone è promosse dall’Associazione Artetica e della Sezione Anpi “Premoli” insieme a una rete di soggetti e istituzioni: Comuni di Carlino, Castions di Strada, Cervignano, Muzzana, Palazzolo, Precenicco, Ronchis, San Giorgio di Nogaro e Torviscosa; Anpi Udine; Auser Udine e Auser Turgnano; Cgil Udine; Ifsml; Cirf e Dium dell’Università di Udine; Primacassa Fvg; Informazione Friulana; Teatro della Sete; associazione aps Klaris e Radio Onde Furlane.

Condividi questo articolo!