Concerto per la Pace (Palazzo delle Poste – Trieste) su Rai3

21 Dicembre 2018

TRIESTE. L’ evento, organizzato dall’istituto Mitteleuropeo di Storia e Cultura di Trieste assieme al Museo Postale e Telegrafico della Mitteleuropa di Poste Italiane, vedrà protagonista l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di musica Giuseppe Tartini diretta dal maestro Romolo Gessi e verrà trasmesso domenica 23 dicembre, alle 10, su Rai 3, in replica mercoledì 26 dicembre sui Rai 3 bis, canale 103 del digitale terrestre. Nel repertorio proposto, classici come la sinfonia della Cenerentola di Rossini o la morte di Aase dal “Peer Gynt” di Grieg, e pure l’inedito “Inno alla Pace” composto da Josef Pangherz nel 1920, compositore originario della località di San Dorligo/Dolina. La regia è curata da Marco Manin, giovane autore già impegnato nella produzione di un precedente documentario dedicato a Maria Teresa d’Austria.

La musica sarà scandita anche da fotografie e filmati d’epoca, un percorso intenso e sentito nelle drammatiche vicende che coinvolsero le popolazioni civili del nord est d’Italia tra il 1914 e il 1918. Scorci e riflessioni che contribuiscono a rendere protagoniste le prime vittime di ogni guerra: le popolazioni civili. Le suggestive immagini del concerto diventano l’occasione per ricordare il 150° anniversario della nascita dell’onorevole Josef Pangherz (1868–1925), deputato imperiale e del Regno d’Italia, compositore e musicista, direttore delle Imperial Regie Poste e podestà di San Dorligo/Dolina. Pangherz visse in prima persona la tragicità della guerra perdendo in Galizia un figlio. Nell’archivio storico dell’autore è stato rintracciato quell’Inno alla Pace che, arrangiato dal regista, viene presentato per la prima volta proprio in questa produzione che ha inteso valorizzare il maestoso Palazzo delle Poste Centrali triestine.

La parte musicale del concerto sarà preceduta da un approfondimento documentaristico legato alla storia del palazzo, alla Grande Guerra e ai servizi postali durante il conflitto. Tra i protagonisti delle immagini, il gruppo di ballo Trieste “Ottocento”, il gruppo in uniformi Austro Ungarico e del Regno d’Italia “I Grigioverdi del Carso” e il Quartetto del Conservatorio Tartini di Trieste sotto la direzione del maestro Fabio Pirona.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!