Concerto natalizio in Abbazia La mostra Motori&Musica

7 Dicembre 2019

MANZANO. È la millenaria Abbazia di Rosazzo la prestigiosa e suggestiva cornice della mostra dedicata all’artista Enrico Ghinato aperta al pubblico fino al 1° marzo 2020. La mostra “Motori&Musica-Musica&Motori” si tiene nell’ambito della rassegna biennale, giunta alla decima edizione, ideata e voluta dalla Fondazione Abbazia di Rosazzo promotrice, ormai da anni, di iniziative volte alla divulgazione artistica nelle sue più diverse forme e attraverso nuovi linguaggi. Il titolo della mostra abbraccia anche la musica in quanto, proprio per la divulgazione della cultura artistica e musicale, si sono voluti organizzare e coinvolgere dei concerti.

Domenica 8 dicembre alle 16, si svolgerà il tradizionale Concerto di Natale (ingresso gratuito) che vedrà esibirsi la Nuova Orchestra “Ferruccio Busoni”. Grazie alle sinfonie di Antonio Vivaldi, Edvard Grieg, Edward Elgar, Bela Bartok, ed allo spettacolare contesto della Chiesa San Pietro Apostolo dell’Abbazia di Rosazzo, ci sarà la possibilità di percepire la vera atmosfera natalizia. Con l’avvicinarsi al Natale, domenica 15 dicembre, alle 16, sempre nella Chiesa dell’Abbazia, si esibirà l’ Accademia del Ricercare con l’ensemble di musica antica e strumenti originali, che andranno ad interpretare la La Missa Ambrosiana di Franchino Gaffurio con introduzione di Pietro Busca. Questo concerto, con ingresso a pagamento, rientra nella rassegna Leonardo 500-250 Cook, Proiezioni da Rinascimento e Illuminismo, promossa e ideata
dall’Associazione Musicale Sergio Gaggia.

La mostra visitabile dal lunedì alla domenica dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 15 alle 17, rimarrà aperta fino al 1° marzo 2020. Le opere, che sono esposte nelle sale dell’Ex Tribunale, trattano le tematiche dei motori e della musica, un tema moderno che rende dinamica e fresca l’offerta dell’Abbazia: un modo per proporre non il conosciuto, lo scontato, l’obsoleto, ma ciò che è frutto di innovazione, di scandaglio di nuove tecniche, perché questo stimola anche l’intelligenza dei visitatori e li proietta verso ulteriori ricerche. La mostra, realizzata in collaborazione con Imago Art Strategies di Lugano, si compone di circa 60 opere.

Enrico Ghinato, classe 1955, è un artista iperrealista che, attraverso le sue opere, rappresenta la realtà senza replicarla alla lettera e dove “… l’iperrealismo cede a un quasi-iperrealismo, poi a un realismo, infine a una composizione teatrale […].” come lo descrive Angelo Crespi. È proprio questa la firma che rende uniche ed ineguagliabili le sue opere. Nella sua carriera espositiva, dal 2003 a oggi, si possono annoverare esposizioni personali e collettive in spazi espositivi e musei di rilevanza come la Galleria Ferrari a Maranello, la Galleria d’Arte Contini a Venezia, il Museo Nazionale dell’Automobile a Torino, il Museo Casa Enzo a Modena, il Global Port Italia a Brescia, lo Showroom Smit a Roma, l’Imago Art Gallery di Lugano, il Contini Art Uk e la Luciano Benetton Collection.

Condividi questo articolo!