Concerto d’organo dopo la masterclass a Spilimbergo

14 Settembre 2020

SPILIMBERGO. Con un emozionante concerto che ha visto protagonisti la grande organista Elisabeth Zawadke, già docente presso la Musikhochschule di Lucerna, insieme a un team di allievi organisti italiani e stranieri si è conclusa, nella Chiesa dei SS. Giuseppe e Pantaleone a Spilimbergo, la masterclass che ha introdotto l’edizione 2020 del Festival Internazionale di Musica Sacra in programma a Pordenone e in varie altre sedi di concerto il prossimo autunno. L’iniziativa, promossa per iniziativa di Presenza e Cultura, in collaborazione con il Centro Iniziative Culturali di Pordenone e la Regione con TurismoFvg, ha la direzione artistica di Franco Calabretto e di Eddi De Nadai.

Diverse le esecuzioni che si sono alternate nel concerto a Spilimbergo, messe a punto nella full immersion di tre giorni dedicata in particolare alla letteratura organistica sviluppatasi dal XIX secolo intorno alla figura e all’opera grandiosa di Johann Sebastian Bach. Il programma di studio verteva infatti sulle opere di J. S. Bach e sulla letteratura organistica del XIX, XX e XXI secolo, incluse grandi personalità musicali come Schumann, Liszt, Reger, sino a Mendelssohn e Brahms e agli autori del Novecento e contemporanei.

Docente di prestigio, come detto, la celebre concertista tedesca Elisabeth Zawadke, pordenonese di adozione, che ha tenuto le sue lezioni con l’utilizzo dell’organo della Chiesa dei SS. Giuseppe e Pantaleone a Spilimbergo. L’attesa è adesso per i concerti del Festival internazionale di Musica Sacra che si apriranno lunedì 26 ottobre, a Pordenone nel Duomo S. Marco nel segno del Canto gregoriano, fonte da cui nasce e si sviluppa tutta la tradizione sacra occidentale, protagonista la Schola Cantorum del Pontificio Istituto di Musica Sacra diretta da Karl Prassl.

Info www.centroculturapordenone.it/

Condividi questo articolo!