Concerto all’alba in mezzo ai vigneti di Nimis se non piove

31 Luglio 2021

Federico Poggipollini

NIMIS. Secondo appuntamento per la rassegna “Music & Taste of Sportland” a Nimis, organizzata da The Groove Factory per scoprire alcune location del territorio degustando i prodotti tipici in compagnia di buona musica. Domenica 1° agosto, alle 5.45, in mezzo i vigneti di Nimis, il concerto all’alba di Federico Poggipollini, storico chitarrista di Ligabue, che propone in chiave acustica i brani del suo ultimo album solista “Canzoni Rubate”. In caso di maltempo il concerto è posticipato alle 7 all’Auditorium di via Giuseppe Garibaldi a Nimis.
Prenotazione obbligatoria sull’App Eilo: http://goeilo.web.app.

Il parcheggio si trova presso il campo sportivo di Via Plovert. Proseguendo per il sentiero segnalato si giunge al prato dove si svolge il concerto. A tutti gli spettatori verrà assegnata una porzione di terreno, distante almeno 1 metro da ogni altro partecipante in cui sedersi. Si consiglia di munirsi di coperte, plaid o stuoini per accomodarsi. È preferibile arrivare almeno 30 minuti prima dell’inizio del concerto. All’ingresso del concerto, saranno distribuiti dei box degustazione con prodotti delle “Strade del Vino e dei Sapori”, in collaborazione con PromoTurismo Fvg.

“Canzoni Rubate” più che un album è un progetto di ricerca e di grande amore nei confronti della musica, pensato e realizzato da Federico Poggipollini. Un omaggio alla musica composto da 17 brani: 9 cover, 1 inedito e 7 brani strumentali originali. Le gran parte dei brani scelti sono risalenti soprattutto al decennio tra fine anni ’70 e fine anni ’80 e con un occhio di riguardo verso la scena progressive; selezionati dopo un lungo studio puntato sulla ricercatezza degli arrangiamenti e sulla vicinanza dei testi con i giorni nostri; composizioni ricche ed energiche rimaneggiate con cura e attenzione. Una selezione legata anche ai ricordi, da qui la scelta di “Varietà” di Gianni Morandi (brano scritto da Mogol e Mario Lavezzi ascoltato da Capitan Fede, cantato dallo stesso Lavezzi, durante il tour promozionale di “Bella Signora” in cui accompagnava Gianni Morandi), o al senso di appartenenza a una città come Bologna rimettendo mano a “Il Chiodo” degli Skiantos (voluto omaggio a Freak Antoni), o “Città in Fiamme” brano del 1986 della band bolognese Tribal Noise in cui Federico suonava il basso. Il legame con Bologna diventa poi attuale con il feat. di Cimini in “Monna Lisa” di Ivan Graziani. In “Trappole” Capitan Fede suona un brano di Eugenio Finardi.

Condividi questo articolo!